INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4573
Articoli visitati
3931588
Connessi 15

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
19 ottobre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

INFORTUNISTICA STRADALE

Il colpo di frusta è risarcibile?
domenica 6 maggio 2018 di Andrea Agostini

Argomenti: Diritto


Segnala l'articolo ad un amico

La più classica delle patologie da incidente stradale è la lesione del rachide cervicale, meglio nota nella pratica come colpo di frusta.

Si tratta di un trauma minore del collo, una lesione lieve, spesso meramente sintomatica, che dopo avere per tanti anni contribuito ad accrescere il risarcimento del danno non patrimoniale da incidente stradale, ha infine trovato un arresto con le leggi 277 del 2012 e 124 del 2017.

Il legislatore è infatti intervenuto a porre un freno per contenere gli ingenti costi collettivi derivanti dal risarcimento di postumi invalidanti inesistenti o enfatizzati su lesioni tanto lievi quanto ricorrenti.

L’interesse tutelato è quello generale degli assicurati e delle società di assicurazione alla sostenibilità degli importi dei premi assicurativi.

Cosa prevede il novellato codice delle assicurazioni private?

Che il colpo di frusta può essere risarcito quale danno biologico permanente solo se la lesione del rachide cervicale risulta da un accertamento clinico strumentale obiettivo.

Insomma lamentare un dolore al collo pure che vero e intenso è inutile senza il conforto di una radiografia.