INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5432
Articoli visitati
4426474
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 ottobre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

DISPETTI SUL LUOGO DEL LAVORO

Può costare caro
domenica 6 maggio 2018

Argomenti: Diritto


Segnala l'articolo ad un amico

Scherzi continui tra colleghi di lavoro integrano lo stalking? Fare il bullo sul posto di lavoro non conviene.

Uno scherzo sporadico è normale nelle relazioni umane, ma quando si pone in essere un’ azione continuativa volta a ridicolizzare e umiliare il collega di lavoro, si va ben oltre una semplice presa in giro.

La vittima di questi dispetti continuativi può infatti arrivare ad accusare un forte stress emotivo, un grave stato ansioso fino a vedersi costretta ad isolarsi all’interno del contesto lavorativo per poi doversi allontanare prima saltuariamente poi magari in via definitiva dal posto di lavoro per cercare di ritrovare la serenità perduta.

In questi casi si consuma il reato di atti persecutori.

Responsabile del danno è soltanto lo stalker, ma in solido anche il datore di lavoro in quanto l’illecito si è compiuto in occasione dell’esercizio dell’attività lavorativa.

I soldi forse non basteranno a chiudere la questione.

Infatti pagare il risarcimento servirà a riparare il danno e a estinguere il reato, soltanto se la vittima acconsente e spontaneamente procede a ritirare la querela.

Ipotesi questa peraltro non praticabile nell’ipotesi la persona offesa sia un disabile, magari preso di mira e messo alla berlina proprio per la sua menomazione: la particolare debolezza della vittima diversamente abile comporta infatti la procedibilità di ufficio del reato.

Foto: da dreamstime.com