INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4573
Articoli visitati
3931588
Connessi 16

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
19 ottobre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

TEMPO REVERSO

Racconto
sabato 5 maggio 2018 di Andrea Forte, Vivi Lombroso

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

C’era una volta un orologio, tipo serio e positivista, preciso e responsabile, conscio del ruolo che svolgeva nel paese, ove tutti regolavano i propri orologi sulla sua ora, esibita nella piazza centrale.

Questo orologio però aveva un cruccio: sentiva tutti che spesso sospiravano “è tardi”, “non c’è tempo” per fare questo o quello, “vorrei tornare giovane” e così via… cioè i soliti rammarichi per lo scorrere inesorabile del tempo.

L’orologio cercava di mantenersi in forma, di essere sempre preciso, nella speranza che ciò aiutasse tutti a regolarsi meglio, a fare in tempo a realizzare quanto desideravano, insomma a non avere rimpianti e delusioni. Ma nonostante ciò tutti continuavamo a lamentarsi.

Un bel giorno però l’orologio ebbe l’illuminazione. Fu un lampo e un’estasi. Comprese. E tutto felice si disse: caspita ! ma se io scandisco con efficacia lo scorrere del tempo, perché non scandirne invece il retrocedere ? Se giro all’indietro invece che in avanti, tutti avranno più tempo, torneranno giovani, e saranno felici. Dopodiché si mise coscienziosamente e precicisissimamente a girare all’inverso.

Successe il finimondo. La gente protestava, arrivò l’orologiaio trattandolo come fosse malato… e l’orologio non capiva. Soprattutto non capiva perché tutti non capissero.

Comunque continuò nella propria missione, nonostante gli interventi tecnici: allora la gente protestò ancora peggio, e vennero esperti cittadini a trattarlo come fosse impazzito, ed egli cominciò a dubitare circa la sanità mentale degli umani. Tuttavia solidalmente continuò nel fornire ciò che in fondo, ne era certo, tutti desideravano.

Il fatto è che dopo qualche giorno, con suo grande terrore, vide fermarsi sulla piazza un furgoncino, e smontarne un grande orologio elettronico, di quelli moderni da facciata. Al colmo della disperazione poi, l’orologio positivista sentì che avevano preso a smontarlo pezzo per pezzo. E piangendo lagrime di olio, quando gli staccarono la molla, fece appena in tempo a chiedersi: perché ?

Ingranaggi e rotelle furono dati ai ragazzi per giocare, in attesa di diventare vecchi. La molla fu portata al museo cittadino, per ricordo.