INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4270
Articoli visitati
3762182
Connessi 1345

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
17 febbraio 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

BAMBINO FACCIA AL MURO

Ascoli Piceno. Scuola dell’infanzia.
lunedì 12 febbraio 2018 di Andrea Agostini

Argomenti: Diritto


Segnala l'articolo ad un amico

Condannate a 2 mesi di reclusione, pena sospesa, 2 maestre colpevoli di aver messo un bambino vivace, seduto sul banco a mangiare solo, viso rivolto al muro.

Modo legittimo di calmare i piccoli dai 3 ai 5 anni in una classe numerosa o abuso dei mezzi di correzione o di disciplina?

Il Giudice deve avere ritenuto trattarsi di un episodio unico con le maestre mosse da intenti educativi, che altrimenti si sarebbe trattato del più grave reato di maltrattamenti.

Inoltre nessuna lesione del piccolo è stata accertata, che altrimenti il reato sarebbe stato aggravato e la pena maggiore.

Cosa è accaduto allora?

Le maestre hanno tradito la finalità educativa della loro azione e posto in pericolo la salute psichica del bambino con un’azione capace di cagionare nel bambino turbamenti (stato d’ansia, insonnia, depressione, disturbi del carattere e del comportamento).

Mettere un bambino a mangiare da solo sul banco faccia al muro, forse in un diverso contesto socio-culturale poteva considerarsi ordinario strumento di correzione, ma la coscienza sociale attuale è mutata.

Il bambino non è più semplice oggetto di cure e attenzioni, bensì egli stesso è persona titolare di diritti e pertanto ogni condotta mortificante la sua dignità è inaccettabile.