INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4383
Articoli visitati
3831607
Connessi 20

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 aprile 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

ORRORE NELLE MARCHE

PENALE
venerdì 2 febbraio 2018 di Andrea Agostini

Argomenti: Diritto


Segnala l'articolo ad un amico

Pamela, diciotto anni, fatta a pezzi, lavata e riposta in due trolley. Indagati 3 nigeriani

Non un film horror, ma la realtà di una giovane romana che lascia una comunità di recupero a Corridonia e scompare fino a quando i suoi resti vengono ritrovati in un fosso a Pollenza.

Le indagini portano gli inquirenti ad una casa di Macerata e ad indagare 3 nigeriani.

Questi i fatti al momento.

Le considerazioni legali vanno rimesse a ciò che emergerà dall’autopsia.

Infatti se sin da ora si può dire che si è in presenza di un omicidio in concorso con il reato di sottrazione di cadavere, la qualificazione giuridica corretta pretende la risposta ad alcune domande.

La ragazza ha subito violenza sessuale? Se sì, ciò è accaduto contestualmente all’omicidio?

Siamo quindi in presenza di un solo reato di omicidio aggravato dalla violenza sessuale oppure mancando la contestualita’ delle condotte abbiamo due reati tra loro in continuazione?

Ed ancora.

La giovane è stata fatta a pezzi in vita o da defunta?

È quindi mancata la pietas verso la defunta o piuttosto l’omicidio è aggravato dall’impiego di sevizie e crudeltà?

Si è forse voluto infliggere alla vittima sofferenze che esulano dal normale processo di causazione della morte?

La gratuità e la superfluità dei patimenti cagionati alla vittima mostrano un’azione efferata, rivelatrice di un’indole malvagia e priva del più elementare senso di umana pietà?