INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5428
Articoli visitati
4426036
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

VIOLAZIONI CODICE DELLA STRADA

Se il proprietario del veicolo non comunica i dati del conducente, cosa accade?
lunedì 22 gennaio 2018 di Andrea Agostini

Argomenti: Diritto


Segnala l'articolo ad un amico

VIOLAZIONI CODICE DELLA STRADA

“Siamo una famiglia normale, chi e quando ha bisogno prende la familiare!”

“Sono proprietario di numerosi automezzi e ho diversi dipendenti che ne fanno uso!”

Chi non ha mai fatto o almeno ascoltato una simile esclamazione?!?

Del resto rientra nella pratica di vita il fatto di non sapere a volte con certezza chi sia stato nel tempo alla guida del veicolo.

Ciò però poco importa.

Il principio di diritto infatti è altro e muove intorno al concetto di responsabilità, sia verso la Pubblica Amministrazione, che verso i terzi.

Il proprietario del veicolo è il soggetto responsabile della sua circolazione e quindi egli è sempre tenuto a conoscere l’identità del soggetto al quale ne affida la conduzione.

Così l’art.126 bis del CdS al co.2 determina in 60 giorni dalla notifica del verbale di contestazione, il termine entro il quale il proprietario del veicolo deve fornire all’organo di polizia che procede i dati personali e della patente del conducente al momento della commessa violazione, ciò anche per la conseguente decurtazione dei punti della patente di guida.

In caso di omissione di tale comunicazione, fosse pure per incapacità di identificare il nome del conducente e pure dopo avere pagato la multa per la violazione principale (es. eccesso di velocità, passaggio con il rosso, ecc), il proprietario risponde personalmente per inosservanza colposa del dovere di vigilanza sull’affidamento del proprio mezzo di trasporto.

Di qui il dovere di pagare ai minimi una multa di 286 euro, cui potrebbe anche aggiungersi quella di 422 euro per inottemperanza all’invito dell’autorità di presentarsi presso gli uffici per fornire le informazioni richieste (art.180 co.8 CdS).

L’obbligo di comunicare i dati del conducente è autonomo, salvo - per espressa previsione sul verbale da parte dell’autorità procedente - l’onere di collaborazione del cittadino venga sospeso fino all’esito del ricorso contro la violazione principale.

Come sottrarsi alla sanzione da mancata dichiarazione dati conducente?

Allegando un “giustificato e documentato motivo”.

Due i casi riconosciuti in giurisprudenza.

Quello del proprietario che dimostra di avere ceduto in comodato l’autovettura a terzi prima della commissione dell’infrazione: contratto regolarmente registrato con l’assunzione dell’obbligo da parte del comodatario di effettuare la comunicazione del nominativo dell’effettivo conducente in caso di contestazione di infrazione.

Quello del proprietario che riceve la contestazione della violazione principale tardivamente ossia decorsi i 90 giorni di legge: la tempestività della contestazione è fondamentale per consentire al destinatario di difendersi, il trascorrere del tempo rende evanescente ogni ricordo.