INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4201
Articoli visitati
3743959
Connessi 1603

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 gennaio 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LICENZIAMENTO

E’ possibile licenziare con un sms?
venerdì 12 gennaio 2018 di Andrea Agostini

Argomenti: Diritto


Segnala l'articolo ad un amico

Due le certezze di legge. 1) E’ inefficace il licenziamento intimato senza forma scritta o senza la specificazione dei motivi che lo hanno determinato. 2) Il lavoratore decade dal diritto di impugnare il licenziamento decorsi inutilmente 60 giorni dal ricevimento della comunicazione di licenziamento.

Detto questo, il mondo corre veloce e così la comunicazione.

Se dunque è certamente inefficace il licenziamento orale e quindi salvo modifica di legge non ci sarà spazio nel prossimo futuro per il video social di recesso dal rapporto di lavoro, già oggi la modernità è pratica corrente della forma scritta che ben può essere la più varia.

Così è valido ed efficace il licenziamento intimato a mezzo di una qualsiasi mail, come di un messaggio sms, whatsapp, ecc.

In caso di contestazione sarà poi onere del datore di lavoro provare che il lavoratore ha materialmente ricevuto la comunicazione di cessazione del rapporto.

Se però a questa criticità, si aggiungono i rischi tipici della rete, come i furti di identità o le manipolazioni dei testi, meglio a mio avviso ricorrere alla tradizionale raccomandata con ricevuta di ritorno oppure - a volere essere al passo con i tempi – ad una comunicazione tra poste elettroniche certificate.

Forma oltre la sostanza? Sì e anche per ragioni valoriali di dimenticata caratura costituzionale.

Chiudere un rapporto di lavoro è già di per se stesso un trauma, ma addirittura liquidare una persona con un semplice messaggino, mi sembra davvero un atto contrario alla dignità personale e sociale di ognuno.