INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5428
Articoli visitati
4426054
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

RAPPORTI TRA CONDOMINI

Acqua dal balcone sovrastante, con chi prendersela?
martedì 2 gennaio 2018 di Andrea Agostini

Argomenti: Diritto


Segnala l'articolo ad un amico

Il balcone costituisce un prolungamento della corrispondente unità immobiliare e quindi appartiene in via esclusiva al proprietario di questa. Inoltre i balconi non sono necessari per l’esistenza del fabbricato, né sono destinati all’uso o al servizio di questo.

Dunque i balconi di un edificio condominiale non rientrano tra le parti comuni del condominio e così la ripartizione delle spese di manutenzione grava in parti uguali sui proprietari dei due piani, restando a carico del proprietario del piano superiore la copertura del pavimento e a carico del proprietario del piano inferiore l’intonaco, la tinta e la decorazione del soffitto.

Attenzione però perché nella misura in cui i balconi svolgono una prevalente funzione estetica dell’edificio, divenendo così elementi decorativi ed ornamentali essenziali della facciata, essi assumono la funzione di beni comuni.

Così la spesa di rivestimento dei balconi nella parte frontale e in quella inferiore, parapetto e soletta, come pure quella di manutenzione di eventuali fioriere poste all’esterno delle ringhiere delimitanti i balconi con funzione di parapetto, ricadono su tutti i condomini in proporzione delle quote millesimali di proprietà di ciascuno.

Pertanto il condomino che volesse agire per la manutenzione (ripristino, demolizione, qualsiasi mutamento dello stato di fatto) degli elementi decorativi del balcone, esempio i parapetti, deve farlo necessariamente nei confronti di tutti i condomini e non solo contro il condomino del piano sovrastante, pena la nullità della sentenza.