INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5427
Articoli visitati
4425265
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
28 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

IN CASO DI CONFLITTO TRA CONIUGI

Cambiare la serratura di casa
lunedì 1 gennaio 2018 di Andrea Agostini

Argomenti: Diritto


Segnala l'articolo ad un amico

La moglie vuole cacciare il marito di casa cambiando la serratura della porta Lui ne ha combinata un’altra delle sue e la convivenza non è più tollerabile: lo voglio fuori dalla mia vita!

Facile a dirsi, più difficile a farsi.

O lui è d’accordo e allora bene mettere subito nero su bianco oppure si dovrà attendere l’esito dell’udienza presidenziale di separazione con assegnazione della casa familiare in via esclusiva alla coniuge.

Diversamente una tale condotta rischia di assumere una valenza significativa in sede di giudizio di separazione oltre a rappresentare comunque un illecito civile e penale.

Mettere il marito fuori di casa può rappresentare un atteggiamento di distacco e di disaffezione aggressivo e tranciante capace di comportare addebito della separazione e quindi costare l’assegno di mantenimento.

Cambiare unilateralmente la serratura senza fornire la nuova chiave al coniuge costituisce inoltre uno spossessamento arbitrario e quindi il coniuge estromesso dal possesso della casa coniugale può agire in giudizio per la reintegrazione oltre che chiedere alla coniuge l’indennità di occupazione per il godimento dell’intero immobile e il risarcimento del danno per la spesa sostenuta procurandosi un nuovo tetto.

Infine si commette il reato di violenza privata punibile con la reclusione fino a 4 anni, salvo il giudice valuti l’offesa una tantum di particolare tenuità escludendo la punibilità.