INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4383
Articoli visitati
3831607
Connessi 16

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 aprile 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LA LEGGENDA DELL’ALBERO DI NATALE

Non tutti la conoscono
martedì 19 dicembre 2017 di Manuela Angiolini

Argomenti: Curiosità


Segnala l'articolo ad un amico

Esiste una leggenda sullapresenza dell’albero di Natale nelle case, come simbolo di questa festa di pace e di amore. Una specie di favola che appassiona grandi e piccini.

C’era una volta un bambino che si recò nel bosco per tagliare legna per il suo camino.

Girò tra gli alberi in cerca di un ceppo adatto e non si accorse che stava sopraggiungendo il buio ed incominciava a nevicare.

Non riuscendo più ad orientarsi, si spaventò e, per il freddo, si riparò sotto ad un albero che, quasi magicamente, aveva conservato il verde del suo fogliame.

Trascorse del tempo e il bambino, affranto dalla stanchezza, si addormentò ai piedi dell’albero che, magicamente, scese i suoi rami fino a raggiungere il fanciullo, proteggendolo, così dal freddo.

Soltanto al mattino, il bimbo si risvegliò ed udì le voci dei suoi compaesani che lo stavano cercando fin dalla notte precedente.

Si incontrarono davanti all’albero che, magicamente, si era illuminato di cristalli e di luci riflesse dal bagliore del sole.

Si trattava di un abete che, da allora, divenne simbolo del Natale e che, ancora oggi, viene addobbato nelle nostre case per la gioia di tutti.

E, avete notato?

L’albero conserva ancora i rami piegati verso il basso, in segno di amore e protezione dell’intera famiglia.