INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5157
Articoli visitati
4226513
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
14 dicembre 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

IL MIRACOLO DEL NATALE

La ricorrenza più bella dell’anno
domenica 17 dicembre 2017 di Manuela Angiolini

Argomenti: Celebrazioni/Anniversari


Segnala l'articolo ad un amico

Chissà perché, proprio a Natale le persone, in genere, diventano più buone, più gentili, più disponibili.

“E’ il miracolo di Natale”, mi rispose un giorno un sacerdote, “si ripete ogni anno ed è segno della presenza di Dio tra gli uomini”

Devo riconoscere che, davvero, ognuno di noi in questi giorni, avverte un cambiamento nella sua vita.

C’è chi si dedica soprattutto agli acquisti e ai regali o agli addobbi di alberi e presepi, ma c’è anche chi riflette sulla propria vita, sugli errori più o meno gravi commessi, sul perdono e sulla solidarietà verso chi soffre, cercando di diventare migliore.

Accanto a questi buoni propositi, una sensazione, secondo me, ci assale indistintamente: la nostalgia del Natale di un tempo ormai trascorso, di quando eravamo bambini, del risveglio al mattino per correre ad aprire i doni posati nella notte da Babbo Natale o, il 6 gennaio, dalla Befana.

I tempi sono decisamente cambiati; la tecnologia, il progresso mantengono un ritmo, a dir poco, sfrenato e non si ha più nemmeno il tempo di riflettere sulla nostra vita, sui sentimenti, sulle emozioni, quelle vere.

A Natale, in genere, si cambia. Anche se per un breve periodo, si torna “bambini” non solo per i nostri figli, ma anche per noi stessi.

Il ricordo della nostra infanzia ci assale e, con esso, non possiamo evitare di riconoscere, con un certo rammarico, l’enorme cambiamento che ha subito il mondo che spesso stravolge, non solo la natura, ma anche i rapporti tra gli esseri umani.

Per fortuna, anche se per pochi giorni, è possibile ritrovare la parte più interiore ed autentica di noi stessi per essere migliori e guardarci attorno, dove c’è chi non può festeggiare il Natale perché non ha di che vivere o perché ammalato e privo di risorse.

Forse è proprio questo il vero “miracolo”.