INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5278
Articoli visitati
4322488
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
28 marzo 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LA MAGIA DEL PRESEPE

Antichissime origini del presepio
domenica 10 dicembre 2017 di Manuela Angiolini

Argomenti: Celebrazioni/Anniversari


Segnala l'articolo ad un amico

Fin dal Vangelo si parla della rappresentazione della nascita di Gesù, ma soltanto nel Medioevo si iniziò a figurarla e a renderla visibile.

La parola Presepio significa recinto o mangiatoia e sta ad indicare il luogo dove, secondo la tradizione cattolica, Maria diede alla luce il divino Infante.

I primi esempi di “presepe” sono da ricercare nei dipinti, come quello ritrovato nelle Catacombe di Priscilla, a Roma, opera di un pittore anonimo o, nel Medioevo, quelli del Botticelli, di Giotto, di Piero della Francesca, dei Della Robbia o del Correggio che descrissero in modo mirabile il mistero della natività di Cristo.

Il primo presepe con veri personaggi fu creato da Francesco da Assisi, a Greccio nel 1200, quando il Santo, di ritorno dalla Palestina, volle ideare un luogo simile a quello visitato, allestendo una mangiatoia con un bue e un asinello per ricordare la notte Santa. Allora, fu celebrata una messa tra la commozione di tutti i presenti.

Solo nel 1400 si iniziò nelle chiese a costruire le scene della nascita di Gesù con statuine e addobbi vari. Questa tradizione si diffuse soprattutto nel Centro Italia e nel 1500 giunse a Napoli dove l’usanza si estese enormemente.

Dalle Chiese, il presepe passò nelle case dei nobili nel 1600 e, soltanto nel 1700 si iniziò a costruire statuine in terracotta, specialmente nelle regioni pontificie e, nel Napoletano ove nacque una vera e propria gara per il presepio più bello.

Da allora in poi, in quasi tutte le case si allestiscono presepi, anche se l’albero di Natale spesso sostituisce questa antica usanza.

Attualmente, la moderna tecnologia crea dei presepi davvero eccezionali, con cascatelle d’acqua, pastori che si muovono, artigiani che lavorano nelle loro officine ed altro ancora.

Lo spettacolo che si può vedere è davvero straordinario e piace molto ai bambini che possono rivivere così la magia del Natale.

In Italia, da Nord a Sud possiamo visitare presepi di grande valore, preparati con estrema cura di anno in anno e che attirano migliaia di visitatori: vere opere d’arte ispirate dalla fede cristiana e che simboleggiano amore per il prossimo e pace tra gli uomini, valori morali così difficili ai nostri tempi.