INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4125
Articoli visitati
3720776
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2017   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

MISTERI NEI LAGHI

La natura continua a stupirci
sabato 25 novembre 2017 di Manuela Angiolini

Argomenti: Natura


Segnala l'articolo ad un amico

Le sorprese continuano: in Turchia, sui fondali del lago Vian, sono stati rinvenuti i resti di un antichissimo maniero che risalirebbero a tremila anni or sono.

Si dice, addirittura che dentro si trovi un terribile mostro…

Una spedizione guidata dallo scienziato Ceylan trovò un castello ormai ridotto in ruderi, ma non le tracce di un essere mostruoso.

Si tratta di un edificio alto tre o quattro metri e lungo un kilometro circa risalente, probabilmente, ad un’antichissima civiltà armena.

Stranamente, le mura del castello portano segni di bruciature da incendio.

Che cosa avvenne realmente?

Il mistero continua e moltissimi studiosi sono attratti dallo scoprire cosa effettivamente si nasconda sotto quelle acque.

Ma non si tratta soltanto di un solo fatto inspiegabile..

Anche da noi, in Val di Non, nel Parco Naturale dell’Adamello, un laghetto alpino nasconde, o meglio, nascondeva dei segreti.

Si colorava di rosso inspiegabilmente, in estate con il forte rialzo delle temperature.

Soltanto verso la metà del 1900, il mistero è stato risolto: si tratta della proliferazione di un’alga, la Tovellia Sanguinea che produce un olio ricco di carotene che dà un forte colore vermiglio allee acque.

Ultimamente, il fenomeno si è ridotto, non per l’aumento dell’inquinamento atmosferico, ma per lo spostamento di pascoli di mandrie che con i loro escrementi favorivano la riproduzione delle alghe.

Tuttavia, moltissimi turisti tornano ancora a visitare questo lago che conserva, ancora, tracce dell’antico colore sanguigno