INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4210
Articoli visitati
3745198
Connessi 1487

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
22 gennaio 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

I VIDEOGIOCHI SONO SPORT


sabato 11 novembre 2017 di Andrea Agostini

Argomenti: Sport


Segnala l'articolo ad un amico

Gli sport competitivi possono essere considerati un’attività i giocatori coinvolti si preparano e allenano con un’intensità che può essere paragonata a quella degli atleti delle discipline tradizionali: ciò può essere la piattaforma per un coinvolgimento nel movimento olimpico”.

Così dichiara il CIO, Comitato Olimpico Internazionale, che auspica unitamente alle associazioni internazionali delle varie federazioni sportive di avere “un dialogo con l’industria dei videogiochi e i cibernauti per esplorare maggiormente questa area e le possibilità che offre”.

Possibilità certamente di nuovi mercati, di diritti audiovisivi e di immagine, di scommesse, di doping, tutti da regolamentare.

Già oggi però la Risoluzione del Parlamento europeo del 2 febbraio 2012 sulla dimensione europea dello sport riconosce dello sport il ruolo sociale, i valori pedagogici e culturali, l’importanza di un’educazione fisica di qualità.

Allora bene vengano i videogiochi olimpici, ma come conciliarli con l’accezione piu’ tradizionale di sport, quale tutela e promozione della salute e del benessere psicofisico, educazione e socializzazione, formazione e sviluppo di ciascuno e soprattutto dei più giovani?