INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4075
Articoli visitati
3709558
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
18 novembre 2017   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

PITTBULL TEPPISTA

Pittbull distrugge le gomme delle automobili
venerdì 10 novembre 2017 di Andrea Agostini

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Ancona.
Nelle settimane decine e decine di pneumatici forati e lacerati.

La Polizia scopre il responsabile degli atti vandalici: un ragazzo cubano di 25 anni passeggia, batte il piede contro il copertone e il suo pitbull addestrato a comando scatta ed azzanna violentemente la gomma dell’auto in sosta.

Il reato di danneggiamento è stato depenalizzato con D.Lgs. n. 7 del 15 gennaio 20016 e pertanto consiste in illecito civile sottoposto a pena pecuniaria da 100 a 8.000 euro, ma ciò non riguarda le auto parcheggiate lungo la strada.

Un tale danneggiamento colpisce infatti cose esposte alla pubblica fede ossia beni incustoditi e come tali esposti a maggiore rischio per i quali si è costretti ad affidarsi al senso di rispetto, che ognuno deve avere per la proprietà altrui.

Ora il vandalo, oltre a dovere risarcire i proprietari delle auto danneggiate, rischia da 6 mesi a 3 anni di reclusione.

Nel frattempo il cane, considerato una cosa pertinente al reato, la cui disponibilità da parte dell’indagato potrebbe portare a reiterare il reato, viene fatto oggetto di sequestro preventivo da parte della Procura della Repubblica e affidato in custodia giudiziale al canile comunale.

Ma se il cane non venisse più considerato come una cosa bensì come un essere senziente .. abbiamo un soggetto recluso, l’animale, per la responsabilità di altri, il padrone, uomo libero di passeggiare per le stesse strade teatro del crimine.