INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5281
Articoli visitati
4326308
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
3 aprile 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

AUTONOMIA LOMBARDIA E VENETO : SI O NO?


domenica 22 ottobre 2017 di Manuela Angiolini



Segnala l'articolo ad un amico

Si vota oggi in Lombardia e Veneto per ottenere una maggiore autonomia dal Governo Centrale. Si tratta di un referendum cui sono chiamati circa dodici milioni di elettori: 7,9 lombardi e 4 milioni veneti.

Da moti anni è richiesta questa consultazione, promossa prima dalla Lega con Umberto Bossi e poi trascinatasi nel tempo fino alla “sfida” lanciata dai governatori Maroni e da Zaia.

Si tratta di un “regionalismo differenziato” che prevede alcune autonomie particolari, tre previste dall’articolo 116 della nostra Costituzione ed altre proposte dalle Regioni in questione.

Certamente, è un caso ben diverso da quello della Catalogna che vuole l’indipendenza dalla Spagna; comunque, si tratta di un ulteriore distacco dalla sede del Governo da parte di un Nord che detiene il primato economico del nostro Paese.

Lombardia e Veneto, da sempre, dimostrano di aver raggiunto un benessere economico maggiore rispetto alle altre regioni italiane, dovuto al successo dell’imprenditoria, del commercio in genere, delle iniziative private e non e, probabilmente, a ragioni demografiche, geografiche e storiche.

Purtroppo, il Centro e, soprattutto il Sud non hanno raggiunto il livello imprenditoriale della Lombardia e del Veneto e sono state spesso oggetto di critiche dovute, per alcuni, ad un eccessivo assistenzialismo che non avrebbe incentivato le iniziative personali, le idee ed una attività più costruttiva.

Staremo a vedere: se, vincerà il “si”, comunque, come in ogni situazione, ci saranno i pro e i contro che soltanto il futuro riuscirà a svelarci.