INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5281
Articoli visitati
4326289
Connessi 14

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
3 aprile 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

DOMENICA IN...DISCESA


giovedì 19 ottobre 2017 di Manuela Angiolini



Segnala l'articolo ad un amico

E’ piuttosto difficile per qualsiasi presentatore poter affrontare un programma di grande respiro in quattro e quattr’otto, in compagnia di una sorella che faccia da supporto all’altra più famosa, mescolando notizie ed incontri in cucina.

Il programma dello scorso anno di “Domenica In” alternava temi diversi: quello politico del bravissimo Massimo Giletti che affrontava temi di grande attualità denunciando fatti e misfatti, a quello più leggero di Pippo Baudo che, comunque, dopo l’inspiegabile abbandono della vivacissima Chiara Francini, pur perdendo un po’ di lustro, riusciva a divertire e a farci trascorrere del tempo in serena allegria.

Purtroppo, ogni cambiamento, si sa, provoca sempre critiche, se non rimpianti, ma la “Domenica In” del 16 Ottobre scorso, è stata proprio deludente..

Le sorelle Parodi, ormai onnipresenti o quasi nelle reti TV, finiscono per annoiare gli spettatori. Occorrono volti nuovi, nuove idee, persone coraggiose che riescano a parlare al grosso pubblico con sincerità, realismo e preparazione ed esibizioni svariate di artisti, non sempre gli stessi che, stranamente, occupano tutto lo spazio televisivo e che ritroviamo, di continuo, in ogni trasmissione sia della TV pubblica che privata.

Puntare su nuovi volti e nuove personalità sarebbe augurabile, ma, soprattutto, puntare su nuovi autori e nuove idee sarebbe essenziale.