INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5440
Articoli visitati
4434324
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
9 ottobre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

AIDA TRIONFA ALLO SFERISTERIO DI MACERATA


martedì 15 agosto 2017 di Renzo Caldarelli



Segnala l'articolo ad un amico

- Fantastica, spettacolare, bellissima la rappresentazione dell’Aida di Giuseppe Verdi messa in scena in forma ipertecnologica dal regista Francesco Micheli il quale, modificando e perfezionando sapientemente il bell’allestimento presentato al MOF del 2014, rendendolo ancor più bello ed interessante, sfruttando con arte, piacevolezza ed intelligenza le bellissime proiezioni sull’imponente muro di fondo delle splendida Arena e sull’enorme schermo del PC che troneggia al centro del palcoscenico, ha stupito e catturato il numeroso pubblico che gremiva lo Sferisterio, trasfigurato in un’atmosfera di estremo piacere ed interesse, a tutto vantaggio dello spettacolo e della impareggiabile musica del grande Genio di Busseto.

Spiega, inoltre, Francesco Micheli che “lasciandosi guidare dai colori della partitura e dalle architetture della drammaturgia si può far rivivere la vicenda non solo nel dettaglio orientaleggiante di massa ma anche nella proiezione gigantesca di colori, forme e nessi di significato che ciascun personaggio canta e recita per noi: moderni geroglifici, cibernetiche icone, che codificano la vicenda venendo disegnati non nella minuzia di un’osservazione ravvicinata ma nell’immanente enormità della scena”.

La rappresentazione, resa spettacolare dalla straordinaria inventiva di Micheli, ha letteralmente catturato gli spettatori grazie anche al cast, che ha offerto un ottima prestazione, composto da: Cristian Saitta – il Re, Anna Maria Chiuri – Amneris, Liana Aleksanyan – Aida, Stefano La Colla – Radamés, Giacomo Prestia – Ramfis, Stefano Meo – Amonasro, Enrico Cossutta – un messaggero, Federica Vitali – una sacerdotessa, sotto l’attenta ed impeccabile direzione del Direttore Riccardo Frizza.

Fondamentali, per il gradimento dell’Opera, le scene di Edoardo Sanchi, i disegni di Francesca Ballarini, i costumi di Silvia Aymonino, le luci di Fabio Barettin, le coreografie di Monica Casadei.

Il Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini” con il Maestro Carlo Morganti, La Fondazione Orchestra Regionale delle Marche, il Complesso di palcoscenico Banda “Salvadei” e la Compagnia Artemis Danza hanno completato il grande successo di questa edizione di Aida.

Il pubblico ha mostrato il suo alto gradimento con scroscianti applausi a scena aperta e con interminabili ovazioni alla fine dello spettacolo, gratificando così gli artisti e quanti si sono prodigati per la riuscita di questo meraviglioso spettacolo.

Per condividere il successo di accoglienza turistico – culturale che il MOF 2017 ha procurato, il Presidente ed il Vicepresidente dell’Associazione Arena Sferisterio hanno invitato, alla serata, una larga rappresentanza dei Sindaci della provincia maceratese, anche per non dimenticare l’immane catastrofe procurata ai loro territori, devastati dal sisma del 2016.