INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4666
Articoli visitati
3979307
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
15 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Terrorismo ed antiterrorismo nel XXI secolo (Laterza, 2007)

TERRORISMO ED ANTITERRORISMO DI DOMENICO TOSINI

UNO STUDIO ACCURATO
giovedì 22 novembre 2007 di Carlo Vallauri

Argomenti: Politica
Argomenti: Sociologia
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Domenico Tosini


Segnala l'articolo ad un amico

Il nodo tormentato del recente terrorismo è affrontato ed è spiegato da Domenico Tosini in Terrorismo ed antiterrorismo nel XXI secolo (Laterza, 2007).

Il sociologo, sulla base di una accurata documentazione e dei più importanti studi stranieri ed italiani sull’argomento, espone con chiarezza il dispiegarsi delle varie forme di violenza politica.

Innanzitutto distingue sulle origini dei diversi casi di terrorismo, dal nazionalista all’etnico al religioso ed ideologico, soffermandosi sugli esempi più lampanti. Così scorre sotto gli occhi del lettore le lunghe serie di sigle che hanno caratterizzato le lotte di tipo guerrigliero e rivoluzionario, dal fenomeno di marca sionista (Irgun) a quelli di matrice islamica, oltre a quello irlandese e basco.

Si possono quindi notare le differenti identità, con un elenco dettagliato delle singole formazioni, le loro finalità e prassi, i risultati e gli effetti delle loro iniziative. In questa cornice il movimento di Al Qaeda – che tiene deste le diplomazie e le polizie di mezzo mondo si connota con caratteri che ne fanno comprendere le autentiche motivazioni, come le spinte che conducono tanti giovani ad immolarsi nella speranza di un futuro paradiso. Altrettanto indagate sono le dimensioni, la diffusione territoriale sottolineando in particolare lo scopo prevalentemente “comunicativo” di azioni distruttive rivolte a colpire l’immaginazione per rendere manifeste le cause che inducono al “martirio”.

Non c’è nell’autore alcun giustificazionismo quanto piuttosto la ricerca motivazionale delle scelte dei gruppi e dei singoli individui. Altrettanto ampio svolgimento è dedicato alle misure assunte dai vari Stati per difendersi dal terrorismo. Se in genere terroristi sono nuclei non direttamente collegati con entità statali sovrane, non mancano neppure forme di terrorismo che sono promosse da Stati, a cominciare dalle massime potenze (si cita l’esempio degli Stati Uniti per il Guatemala). Molti interessanti sono le pagine che riportano attuali disposizioni assunte oltre America al fine di controllare e meglio individuare le premeditate operazioni, e contemporaneamente si denunciano le violenze compiute dalla stessa potenza in violazione dei diritti umani.

Sono forniti dati aggiornati, ad esempio sulla crescita degli attentati connessi alle questioni mediorientali che dall’inizio del nuovo secolo sono aumentati in forme macroscopiche quale conseguenza delle guerre preventive.

Anche il tema della componente religiosa è approfondita in ordine alle organizzazioni mussulmane. Oltre ad una bibliografia amplissima, Tosini – il cui lavoro va apprezzato quale uno dei migliori e più completi sull’argomento – vanno rilevate le citazioni di tanti altri studi che consentono al lettore di farsi un autonomo giudizio su temi tanto intricati.