INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5908
Articoli visitati
4608417
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 novembre 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

COLETTE: UNA DONNA STRAORDINARIA


domenica 19 febbraio 2017 di ALICANTE

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

- Il Teatro Parioli si distingue per la varietà di spettacoli che offre in ogni stagione: dalla commedia, all’operetta, al dramma, fino alla rivisitazione di un personaggio famoso della letteratura francese che appare quanto mai attuale e vicino alla sensibilità più moderna.

- Colette 1874-1954, membro dell’Académie française, è stata una scrittrice di romanzi e novelle in cui traspare la sua forte personalità anticonformista e trasgressiva e decisamente sopra le righe per quei tempi.

- Ebbe quattro mariti e si cimentò nei più disparati lavori: dal clown al mimo, all’estetista; ma la sua vera indole la portò a scrivere in maniera molto pittoresca ed intimista aspetti della vita e personaggi dell’epoca.

Lo spettacolo al Parioli, della durata di circa un’ora, è un dialogo colorito e colorato tra la protagonista e un uomo che rappresenta i suoi diversi amanti: un incontro ravvicinato che coinvolge ed emoziona.

Bravi gli attori, da Catherine Spaak,( molto diversa dalla sua immagine abituale), ad Alessio Di Clemente e a Carola Stagnaro.

Un ritorno al periodo della grande guerra in una Parigi che si affaccia sul XX secolo conservando il suo fascino abituale basato sulla leggerezza del vivere, la cultura e la libertà di espressione in tutte le sfumature.

Sulle scene fino al 26 Febbraio