INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6004
Articoli visitati
4631202
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
25 gennaio 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

GRANDE SUCCESSO DI MONICA GUERRITORE AL SISTINA


venerdì 21 ottobre 2016 di La Redazione

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

La splendida Monica Guerritore con la sua toccante ed intensa interpretazione dell’indimenticabile Judy Garland, tragica star di Hollywood, apre con successo la stagione teatrale al Sistina.

- Il musical di Peter Quilter, suo primo grande successo internazionale, racconta sei settimane della vita della straordinaria artista Judy Garland, pochi mesi prima della sua scomparsa, avvenuta nel giugno ’69 in tragiche circostanze. L’intento riuscito di Quilter è quello di squarciare il velo del luccicante mondo dello spettacolo concentrandosi sulla fragilità umana di una donna, dotata di un grande innato talento, riconosciuto ed applaudito, schiacciata dallo star system.

- Farmacodipendente, alcolizzata, con un intenso e appassionato legame con il suo pubblico, Judy è forte e fragile allo stesso tempo, ma soprattutto sola, alla disperata ricerca dell’amore, quello vero che spera di aver trovato nel giovane Mickey Deans (Alessandro Riceci), suo quinto prossimo marito. L’interno di una suite dell’Hotel Ritz Carlton al Centro di Londra, nel periodo natalizio del 1968, fa da sfondo alle dinamiche relazionali fra Judy Garland, il suo giovane fidanzato Mickey e il suo fedele amico e pianista Anthony (Aldo Gentileschi) coinvolti in una serie di concerti nell’auspicato successo della star ormai in declino.

- Monica/Judy ride e scherza come una bambina, piange e si dispera elemosinando pasticche e alcolici, litiga ed impone i suoi capricci da vera star, cerca ed implora carezze e baci, e nel frattempo indossa abiti luminosi, prova e canta successi indimenticabili, accompagnata da una fedele band (Vincenzo Meloccaro , Gino Binchi , Stefano Napoli), inciampa sul filo del microfono, barcolla, cade, si rialza, fugge dal palcoscenico e dal suo pubblico che l’ama e che sicuramente la perdonerà.

- Il musical cattura l’attenzione degli spettatori lentamente e nel secondo tempo, riesce a coinvolgerli totalmente nelle tumultuose e laceranti emozioni di una vera artista, interpretata in modo sublime da Monica Guerritore, che canta dal vivo otto successi del repertorio di Judy Garland, con un’intensità tale da rendere inutile ogni confronto con l’indimenticabile voce della compianta star hollywoodiana.

- Fasciata in un abito rosso arricchito da piume e paillettes, Monica/Judy sulle note della canzone che la rese famosa “Over the Rainbow”, barcollante e disperata si accascia senza vita sul palcoscenico, teatro delle sue gioie e sofferenze e mentre una calda luce rossa l’avvolge e ne rimarca la fine, la voce di Judy Garland riempie il teatro, con il suo canto struggente, ora Dorothy è giunta ineluttabilmente alla fine dell’arcobaleno. Grande commozione ed applausi calorosi.

Repliche fino al 30 ottobre.

PATRIZIA SQUILLANTE