INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3975498
Connessi 16

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Storia di una vecchiaia (Marsilio, Venezia)

RIFLESSIONI SULLA VECCHIAIA

IL RIBELLE MASSIMO FINI
sabato 6 ottobre 2007 di Carlo Vallauri

Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Massimo Fini


Segnala l'articolo ad un amico

Torna Massimo Fini con Ragazzo. Storia di una vecchiaia (Marsilio, Venezia): l’ex giovane “ribelle” riflette sulla sua nuova condizione.

I saggi dello scrittore milanese lasciano il segno per un anticonformismo che è il suo segno più evidente. Questa è una specie di autobiografia amara: un “ragazzo” che a sessant’anni ripensa alla esperienza personale e trae considerazioni “de senectute”, intrecciando ricordi della sua giovinezza e le immagini di un passato “innocente” dal quale rinviene le sue preferenze, come i sentimenti, per giungere ad un presente, del quale sa cogliere gli elementi con saggezza critica.

E tutto ciò con una prosa che dà conto di amicizie (ad es. Paolo Mosca), di scontri generazionali, di canzoni, in una reminiscenza che – citando Aldo Busi – riconduce ad angosce di un mondo talmente lontano da noi da sembrare inverosimile. “Tutto è mutato”: nel tempo libero, sempre più disponibile, si può fare teoricamente tutto ciò che si vuole ma pesa il “dolore” in una vita ormai priva di illusioni. Vi è forse una insistenza eccessiva nel sottolineare gli elementi che offrono la testimonianza dello scorrere del tempo: la solitudine del vecchio nella società urbana presenta fattori sociologici, dai quali Fini tuttavia rifugge per soffermarsi sulle distanze intime ormai irrecuperabili. Il tono è sincero, non privo di una sottile ricerca che ripercorre le tappe proprie dell’esistenza come il pensiero di grandi saggi. Vi è l’infinita rincorsa dei sogni (belli o brutti che siano) e l’amarezza del risveglio. Il corpo assume nella vecchiaia un ruolo primario ma più forte rimane la valutazione di ciò che è stato come di ciò che è venuto a mancare. Tracce indelebili in una società che – a suo avviso – dal Sessantotto non ha saputo trarre emozioni vere ma solo pallide illusioni svanite.