INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4663
Articoli visitati
3977847
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
14 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

DOROMIZU AL SALONE DEL LIBRO DI TORINO


mercoledì 11 maggio 2016 di Comunicato Stampa

Argomenti: Recensioni Libri


Segnala l'articolo ad un amico

- “Doromizu. Acqua torbida” - romanzo noir del diplomatico Mario Vattani - approda al Salone del Libro La presentazione venerdì, 13 maggio alle 19.00 al Salone Off

- Roma, 11 maggio 2016 - Venerdì 13 maggio, alle ore 19 al Salone Off di Torino (Casa del Quartiere - Via Dego 6°), verrà presentato “Doromizu. Acqua torbida”(Mondadori editore), romanzo d’esordio del diplomatico Mario Vattani, un “noir” ambientato in una Tokyo tenebrosa e tentacolare di inizio millennio.

- Ad appena due mesi dall’uscita nelle librerie, Mondadori ne ha annunciato la ristampa, confermandone il successo di pubblico, al quale si è affiancato il consenso della critica. Nel recensirlo su Il Giornale, lo scrittore Massimiliano Parente ha dichiarato che “il più bel romanzo giapponese è stato scritto da un italiano”.

- Organizzatori dell’incontro letterario due realtà operanti sul territorio torinese da diversi anni nel campo della cultura e del volontariato, “Libertà in Azione onlus”e il “Centro Studi l’Araldo” che, per la terza volta, sono presenti con uno spazio al Salone Off alla Casa del Quartiere.

- Dopo aver presentato numerosi saggi di storia contemporanea quest’anno si è scelto un romanzo che l’autore, Mario Vattani, ha scelto di ambientare nei quartieri più impenetrabili della città dove ha vissuto a lungo, Tokyo. Alex, il protagonista, è uno squattrinato venticinquenne italiano, nella capitale giapponese con un visto di studio. Una serie di coincidenze lo precipitano in una spirale negativa, una discesa negli inferi verso i luoghi più oscuri e viziosi della capitale nipponica, mettendo a rischio la cosa che gli è più cara al mondo.

- Oltre ad Alex, veri protagonisti del racconto sono la Tokyo di Doromizu, e le donne che si incontrano nelle sue pagine. Il tema drammatico della donna nel mondo dell’intrattenimento è da sempre topico nella letteratura del Sol Levante, e l’ispirazione del romanzo di Vattani nasce certamente dall’immaginario dei film di Kenji Mizoguchi, Tadashi Imai, Yasujiro Ozu, e anche dei racconti della scrittrice giapponese Ichiyo Higuchi: il titolo “Acqua Torbida” richiama, infatti, il suo celebre racconto Nigori-e. La scelta, la resistenza e il sogno, temi romantico-tragici tipici del teatro del Sol Levante, reggono la struttura del racconto. Ma Doromizu non è solo un romanzo giapponese, è una storia di libertà e di passione, profondamente umana, come lo sono gli archetipi rappresentati dai personaggi, sullo sfondo di un altro tema molto caro alla letteratura nipponica, che oggi appassiona tanti italiani: il piacere del cibo e la sua narrazione.

L’autore

Mario Vattani è nato a Parigi nel 1966 e ha portato a termine i suoi studi in Inghilterra. Entrato in carriera diplomatica a ventitré anni, ha lavorato negli Stati Uniti, in Egitto, e soprattutto in Giappone. Ha vissuto molti anni a Tokyo, in veste di diplomatico e ricercatore universitario, e in seguito a Kyoto e Osaka, dove è stato console generale. Appassionato della cultura del Sol Levante nelle sue più diverse forme, parla correntemente il giapponese. Per anni ha praticato il tiro con l’arco e il Kendo – la scherma nipponica – di cui è secondo dan.