INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3977738
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

I nuovi ceti popolari (Feltrinelli, 2006)

LA NUOVA FRAMMENTAZIONE SOCIALE IN UN ACCURATO E DOCUMENTATO STUDIO


giovedì 29 marzo 2007 di Carlo Vallauri

Argomenti: Sociologia
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Mauro Magatti e Mario De Benedittis


Segnala l'articolo ad un amico

I nuovi ceti popolari di Mauro Magatti e Mario De Benedittis (Feltrinelli, 2006) è una intelligente ricerca che fa il punto, sulla base della più aggiornata letteratura sociologica, a proposito della dibattuta questione della ripartizione della popolazione nei vari ceti.

Superando la precedente fase improntata sulle categorie prevalentemente di matrice marxiana, questo studio segue la trasformazione sociale verificatasi tra gli anni ’80 e ’90 quale effetto del mutamento economico in corso, ma soprattutto del sempre maggior peso esercitato dai consumi e dai media quali fattori delle diverse collocazioni tra le differenti parti del popolo nel nostro paese.

E l’elemento che emerge con maggiore evidenza è come la nuova stratificazione non sia determinata da una sola causa (come il reddito) bensì dalle molteplici componenti che alterano precedenti sistemazioni e contribuiscano a dare una più esatta formazione dalle diverse identità sociali.

Se infatti il ruolo svolto nel lavoro (e secondo il tipo, il rapporto, il contratto) ha una funzione primaria vi sono altre componenti che riguardano l’individualizzazione dei consumi, dai primari a quelli dell’istruzione e dell’intrattenimento. Emergono così le variegate fasce, ciascuna delle quali rivela propri caratteri, dettagliatamente esaminati dagli autori. Accanto alle reti sociali vi sono quelle più legate al territorio. Vengono distinti questi assetti anche in relazione alla posizione geografica. La preoccupazione della vita quotidiana influisce in maniera molto più marcata di quanto si potesse ritenere. I dati forniti appaiono convincenti e sono illustrati mediante spiegazioni circostanziate. Così il costume dell’esistenza privata interferisce sulla frammentazione delle classi. Vengono in luce anche le cause del distacco dalla politica e di un sia pur limitato ritorno ai valori religiosi. Ciò che sui giornali appare attraverso episodi di cronaca, qui è rigorosamente documentato. Ecco il merito principale di questa ricerca che sollecita la riflessione sulla mescolanza di insicurezza, paura e pragmatismo che caratterizza l’Italia di oggi.