INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5426
Articoli visitati
4424568
Connessi 6

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Ecumenismo e reciprocità


lunedì 15 ottobre 2007 di Arturo Capasso

Argomenti: Religione


Segnala l'articolo ad un amico

Ascolta, è l’alba e si sta alzando la preghiera verso il cielo.

Al primo canto se ne uniscono altri ed altri, in tutto il Paese, in tutto il modo; è un alzare le braccia verso il cielo e pregare.

Vieni da me, la porta della mia casa è sempre aperta.

Puoi sederti, restare in piedi, genufletterti, inginocchiarti: sei libero di disporre il tuo corpo nel modo migliore per elevare il tuo spirito.

La mia porta è aperta, è stata sempre aperta.

Ed io, poso venirte da te? Spesso trovo la porta chiusa, sbarrata.

Perché? Non hai fiducia? Lo so, lo so, troppe volte non ci siamo capiti e le cattive intenzioni creavano sempre più steccati, allontanamenti.

Ma ora, vedi, sono qui per invitarti ad aprire anche la tua porta.

Solo in questo modo sarà possibile unirsi e pregare.

Solo in questo modo la dignità di uomo - da parte mia e da parte tua -sarà ampiamente riconosciuta.

E’ difficile? E’ impossibile? E’ necessario provare, sperare.

La speranza, come ha scritto un grande scrittore, è così bella e non costa nulla.

Apri la tua porta, uomo, amico, fratello.

di ARTURO CAPASSO