INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5428
Articoli visitati
4426306
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

PROVA AD INCASTRARMI


giovedì 16 marzo 2006 di Silvana Carletti

Argomenti: Prime Cinema


Segnala l'articolo ad un amico

Jackie Dee (Vin Diesel) è un membro del Clan dei lucchesi e sta scontando trenta anni di reclusione. A metà della detenzione, gli viene offerta la possibilità di abbreviare la pena, a patto che testimoni contro i suoi “amici”. Jack, non solo non accetta, ma diventa avvocato di se stesso e del suo clan, sbalordendo tutti e, soprattutto, convincendo la giuria, grazie al suo umorismo, ad un’innata simpatia e ad un ferreo senso di fedeltà.

Basato su di una storia vera che segnò il record del “processo penale più lungo” (ben 21 mesi), il film del regista Sidney Lumet ci presenta uno spaccato di vita americana, con un clan mafioso che operava nel New Jersey e che si distinse per numerose rapine, estorsioni, usura, prostituzione,racket e altro ancora, per 76 capi d’imputazione. Il verdetto fece scalpore e rimase unico nella storia legale d’America. Si disse, allora che Jackye Di Norscio riuscì a trasformare l’aula del tribunale in un grande circo, dominato dalla sua presenza che ispirava umorismo, tenerezza ed umanità. Un film che farà discutere sul significato vero della parola “giustizia” e sul ruolo di chi l’amministra.

SILVANA CARLETTI

USCITA: 17 Marzo