INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5428
Articoli visitati
4426303
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

L’ULTIMA VACANZA (Last holiday)


giovedì 16 marzo 2006 di Silvana Carletti

Argomenti: Prime Cinema


Segnala l'articolo ad un amico

Come vi sentireste se vi fosse malauguratamente pronosticata una sola settimana di vita? Georgia Byrd, una venditrice di utensili da cucina, vive una vita semplice, ma serena, finchè non le piomba addosso un tragico verdetto. Decide, allora, di concedersi un’ultima vacanza “alla grande”, in un ambiente lussuoso ed esclusivo che,sino ad allora, aveva soltanto immaginato nei suoi sogni. Ne succedono di tutti i colori, ma Georgia riesce a sostenere magnificamente il ruolo di ricca imprenditrice, sbalordendo tutti. Finale a sorpresa…che lasciamo scoprire agli spettatori.

Il film, girato nello splendido paesaggio di Karlovy Vary nella Repubblica Ceca ed, in particolare nell’aristocratico Hotel Pupp, ci offre un’immagine paesaggistica molto suggestiva, con le montagne bianche di neve, le terme, lo sport:un paradiso, insomma, in cui ognuno di noi vorrebbe immergersi. Queen Latifah è la straordinaria protagonista, passata da ruoli comici ad un’interpretazione drammatica e commovente allo stesso tempo;con lei, LL Cool J, nela parte di Sean e un inedito Gerard Depardieu, brillante,volubile, vivace chef del Grand’Hotel Pupp.

Nella storia, il cibo, sofisticamente elaborato, assume un’importanza determinante e ne rappresenta, in un certo modo, il filo conduttore: scelta del regista Wayne Wang che si diletta di arte culinaria e che ha curato, personalmente, ogni dettaglio delle eccezionali portate dall’effetto estetico molto appetibile. Un film che suscita tenerezza, solidarietà, senso di rivalsa contro i prepotenti e i disonesti, con tante scene di bellezze naturali indimenticabili e di ambienti di estremo confort e raffinatezza.

SILVANA CARLETTI

USCITA: 24 Marzo 2006