INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5550
Articoli visitati
4470814
Connessi 6

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 gennaio 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

SYRIANA.


giovedì 23 febbraio 2006 di Silvana Carletti

Argomenti: Prime Cinema


Segnala l'articolo ad un amico

Il regista Stephen Gaghan, vincitore del premio Oscar per la sceneggiatura di Traffic, ritorna con “Syriana”, un thriller politico che ci mostra intrighi e corruzione all’interno dell’industria petrolifera mondiale. La storia si svolge sullo sfondo del Golfo Persico, tra mediatori, affaristi, emiri e grandi compagnie americane. Bob Barnes (Gorge Clooney) è un agente veterano della CIA che sta per lasciare il lavoro, quando gli viene offerta un’ultima missione che si rivelerà pericolosissima e in cui si vedrà tradito anche dalla stessa CIA. Nel film, tratto dal libro “La disfatta della CIA” di Robert Baer, si intrecciano varie storie, come quella di Bryan Woodman (Matt Damon) che vedrà coinvolta la sua famiglia negli intrighi cui deve far fronte,durante la sua missione in Siria. Oltre a ciò, vi sono i lavoratori dei campi petroliferi, sfruttati dal sistema e che si vedono fortemente condizionati dalle scelte della famiglia reale e delle industrie interessate.

Un film complesso, ad alta tensione e dalle poliedriche sfaccettature, interpretato da attori eccellenti (oltre a Cooney e Damon, William Hurt, Christopher Plummer, Jeffrey Wright, per citarne alcuni), diretti magistralmente da un grande regista, che vuol dare un ulteriore drammatica immagine di un mondo economico e politico sconvolto dai fatti dell’11 settembre.

SILVANA CARLETTI