INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5550
Articoli visitati
4470824
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 gennaio 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

TERRA Un film di Sergio Rubini


mercoledì 22 febbraio 2006 di Silvana Carletti

Argomenti: Prime Cinema


Segnala l'articolo ad un amico

L’ultimo film di Rubini ci ripropone la Puglia, terra che fa parte della sua memoria e che ritorna spesso nei lavori di questo straordinario regista. La trama si concentra sulle personalità di quattro fratelli, ognuno con carattere diverso e con vite differenti che si ritrovano assieme per una questione di proprietà da dividere, dopo la morte del padre.

Ognuno ha le proprie soluzioni da proporre ed è estremamente difficile trovare un accordo. Un fatto improvviso e drammatico coinvolgerà i fratelli che si accuseranno a vicenda, spesso in modo violento. Sarà Luigi, il maggiore dei quattro, professore a Milano a sbrogliare la matassa e a restituire la pace e la concordia. Ma a quale prezzo?

Il film ci presenta la campagna pugliese con il paese dalle case bianche, le processioni, i piccoli bar, le masserie: il ritratto, insomma, di una regione che conserva il fascino della tradizione greca ed arcaica dai costumi e dalle usanze che sembrano non aver risentito del rapido passare del tempo. E ci sono i buoni e i cattivi, come Tonino (interpretato magistralmente dallo stesso Rubini), l’uomo più forte e temuto del paese che tiene in pugno ogni situazione, ma che dovrà pagare le sue prepotenze, in maniera estrema. Il tema della “roba” di evocazione verghiana è il filo conduttore del racconto, oltre a quello del rapporto tra fratelli (Dostoiesky) e a reminescenze pirandelliane. Il tutto, sotto il sole cocente del Sud e la trasparenza cristallina del mare: un paesaggio dipinto a tinte forti che affascina e coinvolge. Inoltre nel film, l’analisi dei sentimenti e dei caratteri è filtrata con estrema minuziosità, tanto da rendere partecipe lo spettatore di ogni minima emozione.

Bravi gli attori tutti: da Fabrizio Bentivoglio ad un inedito Emilio Soffrizzi, a Paolo Briguglia e a Massimo Venturiello, oltre a Claudia Gerini, e a Giovanna Di Rauso. Dal 24 febbraio nei cinema.

SILVANA CARLETTI