INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4075
Articoli visitati
3709559
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
SPETTACOLI E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
18 novembre 2017   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


NIENTE E’ COME APPARE

Editoriale Novembre 2017
mercoledì 1 novembre 2017 di Silvana Carletti

Argomenti: Opinioni, riflessioni
Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

L’intesa Renzi-Berlusconi è cosa nota da tempo e il governo del giovane Premier in questi anni ha dimostrato come tale accordo, siglato con “Il patto del Nazareno” abbia diviso il Pd, compromettendone ideali e principi con approvazioni di leggi di destra, atteggiamenti e comportamenti tutt’altro che ispirati a quanto caratterizzava un partito storico, ormai irrimediabilmente compromesso.

Da un anno l’idea della grande coalizione e del Partito della Nazione, , sempre proposti e difesi dall’ex cavaliere, ha riempito le cronache quotidiane, come l’unica soluzione possibile per la governabilità e per il bene di un’Italia sempre più in difficoltà.

Si è lavorato, così, a questo scopo, con l’aiuto di Verdini e di altri simpatizzanti, fino a quando, avvicinandosi le prossime elezioni, si è creduto meglio diffondere notizie contrarie a tale soluzione, rinnegando e rifiutando l’idea di intesa tra la destra e la sinistra unite in “coalizione”.

Nel frattempo, però, si è accelerata al massimo l’approvazione di una legge elettorale, il Rosatellum, criticata da moltissimi studiosi e politici, ma che, comunque, desse ampio spazio al così detto “inciucio.”

In questo modo, si sarebbero evitate defezioni di elettori che, fedeli ai loro principi, non amerebbero certamente un perenne accordo Renzi-Berlusconi e si otterrebbe lo stesso risultato, non figurando in prima persona e con una legge elettorale ad hoc.

Questa non è fantascienza: basti pensare con quanta enfasi ora Renzi e Berlusconi marcano distanze tra di loro con dichiarazioni quasi quotidiane alla stampa accentuando il rifiuto di accordarsi e di coalizzarsi in un futuro governo.

E’ il solito gioco del non apparire e di ottenere ciò che si vuole per vie traverse.

Nel frattempo, l’Italia continua a decadere, a non risolvere gravissimi problemi che non smettono di creare vittime, povertà e decadenza culturale e morale.

Per non parlare dei disastri naturali cui il nostro Parlamento, troppo impegnato a risolvere questioni riguardanti rosatellum, mattarellum ed altri sistemi elettorali, non trova il tempo di provvedere.

Fino a quando durerà questa insostenibile situazione?