INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2017



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 1859
Brevi on-line  2073
Articoli visitati
3666582

Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
CINEMA
SPETTACOLO E COSTUME
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-17 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 luglio 2017   e  
22 luglio 2017



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Il libro dell’amico e dell’amato (edizioni QIQAJON, Comunità di Bose, 2016)

L’amore mistico che tutto circonda

Lo sguardo che unisce l’uomo a dio
martedì 1 novembre 2016 di Andrea Comincini

Argomenti: Letteratura e filosofia
Argomenti: Religione
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Raimondo Lullo a cura di Federica D’Amato


Segnala l'articolo ad un amico

Raimondo Lullo (1232-1316) è una figura essenziale nella storia del pensiero e della mistica, eppure il suo nome viene troppe volte trascurato a scapito di altri intellettuali certamente importanti, ma non più profondi.

Celebre soprattutto per l’arte della mnemotecnica, è quasi sempre ricordato per la suddetta, a danno di una poderosa mole di scritti teologici e filosofici. Tra le opere di maggior rilievo c’è il romanzo Blanquerna del 1283, al cui interno vi è un altro testo a parte, Il libro dell’amico e dell’amato. (https://www.monasterodibose.it/edizioni-qiqajon/il-libro-dell-amico-e-dell-amato).

Scritto per convertire musulmani ed ’eretici’, Il libro dell’amico e dell’amato propone al lettore il significato vero e più autentico dell’amore: non esclusivamente sentimento di uno verso l’altro, né pretesa di riconoscimento, ma soprattutto legame terzo che definisce i due partecipanti, fondendoli in un abbraccio assoluto. Se l’amico è l’uomo e l’amato è dio, nondimeno è la comunione trinitaria a predominare. Steso in catalano e pensato per incontrare l’amore del creatore ogni giorno, racchiude 357 massime, idee, emozioni per liberare la mente dalla trivialità della carne e contemplare il divino. “Errava l’amico desiderando l’amato. Incontrò due amici che si salutarono, si abbracciarono e si abbracciarono tra le lacrime dell’amore. E svenne, tanto fortemente i due amici gli ricordarono il suo amato (v. 59).

PNG - 79.1 Kb
Raimondo Lullo

L’ottima curatela di Federica D’Amato e la pregevole introduzione di Francesc Torralba Roselló arricchiscono il testo di un quadro storico necessario per capire appieno la bellezza dell’opera. Fondamentale per esempio è ricordare che Raimondo Lullo cerca dio in una vita travagliata, segnata da una struggente conversione e da incessanti spostamenti per raccontare ciò che un giorno gli apparve: l’amor Christi, profuso nella sua anima e riportato in questi magnifici versi senza tempo. Come sottolinea Torralba Roselló, “solo l’amore e la morte aprono le porte della casa dell’amato. L’amore è a metà del cammino tra la fede e la ragione (cfr. v. 333)”.

JPEG - 5.9 Kb
Federica D’Amato

Un libro, come si può notare, intenso, fuori dagli schemi, e che ricorda – nella descrizione di quella scintilla divina che permane accesa sotto il velo di cenere della nostra quotidiana disillusione – un altro grande filosofo, le cui domande potrebbero essere pronunciate non solo da Lullo, ma da ognuno di noi:

’Quando considero la piccola durata della mia vita inghiottita nell’eternità che la precede e la segue, il piccolo spazio che occupo e anche quello che vedo perduto nell’infinita immensità degli spazi che ignoro e che mi ignorano, mi atterrisce e mi stupisco di vedermi qua piuttosto che là, perché io sia oggi piuttosto che allora. Chi mi ci ha messo? Per ordine e per opera di chi questo luogo e questo tempo sono destinati a me?’ (Blaise Pascal, Frammenti, 68).