INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5428
Articoli visitati
4426059
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


SPECCHIETTI PER LE ALLODOLE E PER GLI ITALIANI

Riflessioni sulla politica governativa
sabato 1 ottobre 2016 di Silvana Carletti

Argomenti: Attualità
Argomenti: Opinioni, riflessioni
Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

Terminata (o sospesa) la querelle sulle Olimpiadi che hanno scatenato una guerra infinita tra Coni e il Comune di Roma, ora spunta all’orizzonte un’altra grana da risolvere.

Si rispolvera, dopo anni di silenzio o quasi, la realizzazione del ponte di Messina, grande opera criticata da mezzo mondo per i costi, la pericolosità ambientale (zona ad alto rischio terremoti) e per la relativa utilizzazione del percorso che, data l’enorme spesa da affrontare, secondo molti esperti, non varrebbe la pena di realizzare.

A volte, non si comprende se, effettivamente, certi annunci siano soltanto uno spot politico magari in vista del prossimo referendum, oppure si tratti di vera e propria incoscienza.

In un Paese come il nostro che sta crollando fisicamente, politicamente, economicamente e moralmente, vi pare saggio pensare di costruire un’opera di grande impatto economico, mentre ci troviamo di fronte all’ennesimo terremoto ad urgenti lavori di messa in sicurezza di scuole e di ospedali, a necessità di riforme strutturali di carceri, strutture pubbliche, solo per citare alcune emergenze?

Si mettono in evidenza, erroneamente, grandi profitti per l’occupazione e si dimentica di dire che gli stessi profitti potrebbero essere ottenuti con i lavori molto più urgenti e di estrema importanza per la vita, o meglio, per la sopravvivenza degli Italiani.

Quasi ogni giorno la cronaca ci presenta esempi di crolli di strutture scolastiche, di edifici abitati pubblici e privati e che dire della sicurezza, dello smaltimento rifiuti, dell’assistenza medica e, soprattutto del problema immigrazione?

E’ possibile che, tolto di mezzo il “caso” Olimpiadi, evento che ha ridotto a suo tempo la Grecia in gravissime difficoltà e, di recente, ha prodotto in Brasile scarsi risultati economici, ora si debba pensare ad un’opera costosissima, come il famoso ponte che, già da diversi anni, paghiamo in anticipo con uffici ed organizzazioni ad hoc e che risulterebbe del tutto pericolosa, modestamente utile e di scarso profitto?

JPEG - 14.5 Kb

Evidentemente i nostri politici sottovalutano l’intelligenza degli Italiani e, soprattutto, il loro spirito di sopportazione di fronte a tanta ridicola supponenza e non considerano che certe assurde proposte di mera pubblicità elettorale, possono nascondere il rischio di un boomerang imprevedibile.