INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5479
Articoli visitati
4444681
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
23 novembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Sguardi intensi e misteriosi dal mondo animale

Mostra del pittore Nicolas Joder alle Terme di Levico (Trento) 26 luglio - 6 agosto 2016.
giovedì 1 settembre 2016 di Michele Penza

Argomenti: Arte, artisti
Argomenti: Mostre, musei, arch.


Segnala l'articolo ad un amico

Non è come sembra una mostra fotografica quella che si è tenuta nel salone delle terme di Levico (Trento) dal 26 luglio al 6 agosto u.s. ma una piccola originalissima esposizione di pitture in acrilico su tela del giovane pittore alsaziano Nicolas Joder.

Non intendo propormi certo quale critico d’arti figurative o esperto di pittura contemporanea ma raccontare il mio stupore e la mia ammirazione per la assoluta perfezione del disegno e l’estrema attenzione al dettaglio sia nella linea che nel colore.

Certo si potrà obiettare che questa di cui parlo è solo tecnica e che l’arte pittorica dovrebbe essere anche altra cosa, comunicazione di pensiero, capacità di esprimere sentimenti ed emozioni ottenuta anche con la magia di tre linee, e via discorrendo.

Sarà così sicuramente e mi rendo conto che questo pittore non possa definirsi un Michelangelo e, men che meno, un Picasso ma confesso la mia debolezza. Questi animali che mi fissano negli occhi e sembrano vogliano parlarmi della loro libertà, della loro fierezza, della consapevolezza di rappresentare uno degli aspetti più belli della creazione a me piacciono tanto e vorrei dire che anche questi loro ‘sguardi intensi’ possano esprimere emozioni e sentimenti forti, in sintonia con quelli di tutti gli altri esseri viventi.

Chissà che per tali ragioni anche l’Arte con la maiuscola, che nella fattispecie secondo i canoni non può entrare dalla porta principale, non possa rientrare dalla finestra?