INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5427
Articoli visitati
4425301
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
28 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


RISPETTO PER IL DOLORE

Riflessioni sui recenti luttuosi avvenimenti
lunedì 8 agosto 2016 di Silvana Carletti

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

I recenti avvenimenti di Nizza e di Monaco, di Rouen e i precedenti di Dacca hanno commosso e sconvolto l’opinione pubblica che ha partecipato con immenso dolore alle imprevedibili e cruente tragedie che si sono verificate contro persone innocenti ed indifese.

Tutti i media ne hanno dato subito notizia, seguendo continuamente lo svolgersi dei fatti, informando il pubblico mondiale di quanto stava accadendo.

Purtroppo, però, a volte si è esagerato nella descrizione di dettagli riguardanti il massacro delle vittime, ignorando il dolore e la disperazione dei parenti degli uccisi che hanno dovuto assistere ad una continua ed incessante accurata ripetizione degli ultimi istanti di vita dei loro cari, riportati con dovizia a volte esagerata, per non dire violenta e fuori luogo.

Certamente esiste un diritto di cronaca, ma spesso ci si dimentica che il soffermarsi troppo su certi particolari nuoce profondamente a chi è legato da rapporti di parentela e di amicizia con le vittime, rinnovando senza sosta un dolore lancinante che, certamente, non passerà mai.

E’ come un riaprire continuamente ferite sanguinanti che non si riescono in alcun modo a rimarginare.

Lo stesso discorso vale per gli inseguimenti e gli “assalti” dei cronisti ai familiari per interviste impossibili, dato lo smarrimento e l’angoscia che hanno sconvolto la vita di questi ultimi.

Est modus in rebus dichiaravano i nostri antenati, ma esiste, soprattutto, un sacrosanto rispetto del dolore che nessuno, ripeto nessun giornalista dovrebbe sottovalutare.