INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3976201
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

SOLO AMORE, (Ed. Bompiani)

VINCITORE DEL PREMIO PAVONCELLA 2016 PER LA NARRATIVA

Differenze culturali e classi sociali possono condizionare un rapporto di coppia.
lunedì 20 giugno 2016 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Ludina Barzini
Argomenti: Narrativa


Segnala l'articolo ad un amico

Il libro di Ludina Barzini, vincitore del Premio Pavoncella per la Narrativa, nel settore” Romanzo come opera prima”, racconta una storia d’amore condizionata da incomunicabilità e maschilismo.

La presentazione della casa editrice Bompiani mette in risalto proprio i motivi di tale incomunicabilità: “1993: Lucrezia ha cinquant’anni, un marito e un buon lavoro, quando riceve una lettera con la foto di una donna nuda in cui riconosce uno scatto che le ha fatto trent’anni prima il fidanzato di allora, Gianni, un affascinante medico siciliano.

Quell’immagine riemersa dal passato la costringe a ritornare agli anni ’60, all’intensa storia d’amore con Gianni, che sposa contro il volere della sua famiglia dopo un fidanzamento appassionato, alla vita insieme in America e poi a Palermo, al lutto inaspettato che spegnerà inesorabilmente il loro amore.

JPEG - 6 Kb
Ludina Barzini

Trent’anni dopo, Lucrezia può finalmente chiedere a Gianni il perché del suo abbandono, e non è detto che dopo tanto tempo la verità risulti meno dolorosa da accettare”.

Ludovina Barzini proviene da una prestigiosa famiglia di giornalisti, come ella stessa ha messo in rilievo in un suo libro pubblicato nel 2010 “I Barzini. Tre generazioni di giornalisti, una storia del Novecento”.

Giornalista, ha lavorato all’“Espresso”, al “Corriere della Sera” e alla “Stampa”.

JPEG

Direttore responsabile di “Selezione del Reader’s Digest” dal 1971 al 1987, è stata responsabile della sede di Roma della RCS Editori. Ha condotto programmi radio per Rai Uno, per Rai Sat Premium.

È stata Consigliere comunale e Assessore alla Cultura del Comune di Milano, membro del Consiglio direttivo della Biennale di Venezia e del Consiglio dell’Aspen Institute Italia.

Ciò che colpisce, in effetti, nel libro sono le condizionanti differenze culturali tra Nord e Sud Italia, accentuate dal divario tra le classi sociali dei protagonisti che, pur essendo innamorati, non riescono poi a comunicare e ad aiutarsi, quando scoppia il dramma.

Come al solito poi tocca alla donna subire umiliazioni e violenze nei momenti di crisi, soprattutto se l’uomo si dà all’alcool e perde il controllo di se stesso. E nonostante tutto ciò, a distanza di tempo, Lucrezia è capace di capire e perdonare.

“Un libro ben scritto, ben costruito, che si legge tutto d’un fiato, sa creare un’atmosfera di mistero e di attesa”, come si legge nella motivazione per l’assegnazione del Premio Pavoncella.

Ecco un’intervista all’autrice.