INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3977738
Connessi 15

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Ho fatto un sogno (Edizioni Bompiani 2015)

TUNE – MASAL, UNA DONNA TRA DUE MONDI

Tune è nome arabo, Masal è ebraico. Il libro si muove inoltre tra il mondo del sogno e quello della realtà.
mercoledì 1 luglio 2015 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Recensioni Libri
Argomenti: Personaggi famosi/storici
Autore del Libro : Masal Pas Bagdadi


Segnala l'articolo ad un amico

“Il sogno è un segno di comunicazione con il cielo” (Talmud)

Dalla biografia d iMasal Pas Bagdadi apprendiamo che è un’ebrea araba nata a Damasco nel 1938: a soli cinque anni fuggì dalla Siria per le persecuzioni antisemite ed entrò illegalmente in Palestina. Accolta in un kibbutz in Israele, imparò là a diventare adulta e ad affrontare la vita. Più tardi in Italia diventerà psicoterapeuta e scrittrice.

Bompiani ha pubblicato nel 2003 la sua autobiografia “A piedi scalzi nel kibbutz”. A Milano ha creato il “Centro giochi di Masal” ed interpretato i disegni dei bambini nella trasmissione “Chi sono io?” sul canale Sky 137. Presidente dell’associazione onlus “Chi sono io”, promuove iniziative psicopedagogiche rivolte all’infanzia e all’adolescenza.

JPEG

Nella presentazione del libro si legge quanto segue: -Dopo “A piedi scalzi nel kibbutz”, Masal Pas Bagdad torna a raccontare storie di amore e ricerca che spaziano tra realtà e sogno, ricordi e memoria, legati alla sua famiglia e al suo popolo. Il vecchio nonno appare nella notte alla protagonista, e le sue poche parole la spingono a interrogarsi sulla sua vita e sui suoi figli.

In questo viaggio straordinario fuori dal tempo, Masal visita il cimitero di Tel Aviv e anima i suoi abitanti come per magia, cammina per i vicoli del mercato dove nomi e lingue si mescolano tra i profughi scampati alla Shoa e alle persecuzioni. Con nostalgia torna a rievocare il ghetto di Damasco tra profumi e storie di altri tempi, dove Tune, la bambina di allora, assorbe quello che la circonda e inconsapevolmente si prepara ad affrontare gli eventi tragici della sua vita. ’Ho fatto un sogno’ è un viaggio tra passato e presente, verso un futuro pieno di amore per la vita-.

PNGTrovo tale presentazione molto accurata e ad essa aggiungo le mie impressioni scaturite dalla lettura del libro. Secondo la sottoscritta, dalla storia di Masal emergono grande forza morale e saggezza, evidenziate da significative citazioni che aprono ogni capitolo.

L’autrice ha saputo unire nel libro la sua dimensione più intima e l’eredità della tradizione tramandata dagli anziani che narrano storie del passato ai giovani. Tra sogno e realtà, emergono la figura del nonno nel ghetto di Damasco, quella della madre Miriam, e tante altre. E così citando il Talmud, ella scrive: “Il sogno è un segno di comunicazione con il cielo”.

Non manca tuttavia nel libro l’aspetto più realistico, come il drammatico racconto dei sopravvissuti all’Olocausto e la condizione atavica dell’ebreo errante alla quale ella contrappone tuttavia con acume un’ennesima citazione avvalendosi di una frase di Seneca: “ E’ l’animo che devi cambiare, non il cielo sotto cui vivi.

JPEGColpisce, inoltre, la sua condizione di ebrea araba, espressa anche attraverso il doppio nome di Tune-Masal, il suo trovarsi tra due mondi che ella cerca di unire dentro se stessa in pace e colpisce ancora la sua fede nel futuro unito all’amore per la vita che può aiutare a superare perfino dolorosi traumi sperimentati nella delicata fase dell’ infanzia.

In un’intervista ha affermato: -’Le mie vecchie angosce, mi sono servite a identificarmi con le sofferenze degli altri e la speranza e la voglia di vivere oltre a farmi sopravvivere da piccola, mi hanno fatto vivere pienamente quello che mi accadeva. Voglio mettere al servizio degli altri la mia esperienza e fare capire agli adulti come ragionano e sentono i bambini, e quali interventi adottare per aiutarli a crescere bene per diventare degli adulti solidi. Penso che occuparmi delle sofferenze degli altri sia “il mio destino”-.

Suggerisco come interessante il video qui sotto riportato in cui racconta la sua storia:

P.S.

Con Bompiani ha pubblicato oltre alla sua autobiografia, “A piedi scalzi nel kibbutz” (2003) anche “Mamma Miriam” (2013).


 



  • TUNE – MASAL, UNA DONNA TRA DUE MONDI
    2 luglio 2015, di GiovannaDA

    Premio Pavoncella 2015: l’autrice con il suo libro "Ho fatto un sogno" si è classificata tra le 5 finaliste aspiranti al premio. Giovanna D’Arbitrio