INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5561
Articoli visitati
4475686
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 gennaio 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


SPES ULTIMA DEA

Editoriale 03/2014
domenica 2 marzo 2014 di Silvana Carletti

Argomenti: Opinioni, riflessioni
Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

Nonostante le ultime vicende di questi mesi, quasi tutti gli Italiani sperano in un risveglio delle coscienze, in un miglioramento della politica e del governo, in un futuro, se non altro, un po’ meno nero e con qualche possibilità di risanamento economico e morale.

Si dice che, toccato il fondo, si può incominciare a risalire…Ma ci sono le premesse per farlo?

L’arrivo precipitoso di un giovane nella complicata e litigiosa politica italiana segna un cambio di orientamento, forse traumatico, ma, se non altro, diverso dal passato anche recente.

Lo spazio dato alle donne, la scelta di ministri giovani può essere un segnale positivo rispetto alle “solite facce” degli anni scorsi, un cambiamento anche nel modo di esprimersi, di dialogare e perché no, anche di vestirsi, piuttosto informale e casual che ha stupito gli italiani più tradizionalisti.

JPEG - 34.3 Kb

Me non è questo il problema: un popolo stanco, deluso e che non crede più nelle chiacchiere dei governanti, si aspetta ben altro.

Renzi ha promesso cose straordinarie da realizzare in poco tempo, quasi un miracolo impossibile per una condizione generale di vita davvero drammatica.

Anche gli oppositori, tutto sommato, ci sperano e stanno a guardare tra l’incredulo e il divertito.

E così il nuovo premier viene passato al setaccio e criticato in ogni suo discorso o progetto. Viene anche accusato di accordi segreti ed inciuci con Berlusconi, ma, probabilmente, Matteo Renzi cerca di smussare anche gli angoli più insidiosi degli avversari, pur di far passare nel prossimo futuro, leggi e disposizioni che necessitano di urgente attuazione e di un iter rapido, senza che i cosiddetti “nemici” mettano continuamente il bastone tra le ruote ritardando o bocciando ogni sua iniziativa.

Nessuno può prevedere che cosa il nuovo Presidente del Consiglio riuscirà a fare; c’è comunque una frase di lui che merita tutto il nostro consenso, pronunciata nel discorso alle Camere: “Se sbaglierò, sarà soltanto per colpa mia…”, ma se fallisse saremmo tutti noi a cadere nel baratro, come dice Eugenio Scalfari.

Parole emblematiche che nessuno, ripeto, nessuno ha mai pronunciato nel passato e che ci invitano a dargli fiducia.

Forse è l’ultima spiaggia…
Ma quale altra alternativa avrebbe potuto avere l’Italia di oggi?