INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5432
Articoli visitati
4426475
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 ottobre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: CULTURA


JPEG - 147.7 Kb
Calendario solare maya

IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI MITI

Tra miti e leggende delle civiltà precolombiane
sabato 1 giugno 2013 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Storia
Argomenti: Mitologia


Segnala l'articolo ad un amico

I miti celano una verità diversa da quella della cosiddetta “storia ufficiale”? Come mai le ricerche di tanti seri studiosi sono spesso ostacolate o poco propagandate? Eppure la ricerca della verità dovrebbe essere un preciso dovere di ogni essere umano, secondo i famosi versi di Dante “fatti non foste a viver colme bruti, ma per seguir virtute e conoscenza”.

Giorgio de Santillana, compianto prof. di Storia della Scienza presso il Massachusetts Institute of Technology, uno dei più eminenti esponenti del razionalismo scientifico che aveva dedicato studi approfonditi a Galileo e alla storia della scienza greca e rinascimentale, si trovò un giorno a riflettere su ciò che il mito veramente raccontava e in seguito gli attribuì il valore di “scienza esatta” che ci può aiutare ad ampliare le nostre conoscenze.

JPEG - 2.5 Kb
Gregorio de Santillana
JPEG - 10 Kb

Affermò, pertanto, che il presuntuoso lettore moderno si vanta di poter giungere ad una comprensione immediata delle “immagini mitiche” e non gli viene nemmeno in mente che in un antico passato misteriosi astronomi e scienziati potessero avere conoscenze talmente avanzate da guidare ed istruire i popoli della Terra e che essi per qualche motivo velassero tali conoscenze dietro il linguaggio dei miti. E così scrisse nel suo libro “Il Mulino di Amleto”: -È una possibilità che nessuno sospetta, anche se le realizzazioni delle civiltà antiche (basti pensare alle piramidi o alla metallurgia) dovrebbero essere motivo probante per concludere che dietro le quinte lavorava gente seria e intelligente che non poteva servirsi di una terminologia tecnica… -

Senz’altro almeno un “ragionevole dubbio” sulla preistoria della Terra dovrebbe nascere davanti agli imponenti siti archeologici sparsi qua e là per il mondo, con quel loro insistere quasi ossessivo su determinate costellazioni, su solstizi ed equinozi, insomma su nessi e relazioni tra Terra e Universo, tra microcosmo e macrocosmo.

JPEG - 11.5 Kb
JPEG - 8.5 Kb
Sylvanus Morley

Secondo Sylvanus Grisword Morley, studioso della civiltà maya, sotto le leggende messicane raccolte dai Conquistadores spagnoli sono celate concrete realtà storiche. Quetzalcoalt, o Serpente Piumato, il dio messicano della Luce, potrebbe in realtà essere stato un personaggio storico reale che aveva introdotto in Messico l’arte della scrittura e conoscenze in tutti i campi dello scibile, come astronomia (il famoso calendario maya), matematica, medicina, metallurgia, architettura, agricoltura, legislatura e quant’altro.

Descritto come un uomo alto, biondo e robusto, con grandi occhi e barba fluente, noto come un dio della pace, abolì i sacrifici umani permettendo solo offerte di frutta e fiori. Morley, pertanto, afferma quanto segue nel suo libro “An introduction to the Study of Maya Hieroghyphs”: - Il grande dio Cuculcàn, o Serpente Piumato, era il corrispondente maya del Quetzalcoalt azteco, il dio messicano della luce, dell’erudizione e della cultura. Nel pantheon maya era considerato il grande organizzatore, il fondatore di città, il promulgatore di leggi e il maestro del calendario. Invero i suoi attributi e la storia della sua vita sono talmente umani che non è da escludere che sia stato un personaggio storico reale, un grande legiferatore”.

JPEG - 15.7 Kb
Specchio fumante

Stranamente tutte le leggende dell’America centrale sembrano essere popolate da personaggi molto simili, anche se vengono indicati con nomi diversi, come Culcàn, Gucumaz, Votan, Itzamana, gemelli a quanto sembra della divinità andina di Virachoca: tutti condividevano il simbolo del Serpente.

Improvvisamente questi esseri misteriosi e sapienti, arrivati dal mare da un luogo molto lontano, ad un certo punto salparono di nuovo nella direzione da cui erano giunti, promettendo poi di ritornare. Quali furono le cause di questa improvvisa partenza? Le leggende messicane parlano di una sorta di lotta cosmica tra il Bene e il Male. Un dio malvagio, Tezcatilpoca, cioè “Specchio Fumante”, aveva sconfitto a Tollan (oggi Tula) Quetzalcoalt, costringendolo a lasciare il Messico.

Nell’antica piramide di Tula, in effetti, piena di figure di giaguari e aquile che divorano cuori umani, statue enormi di orrendi idoli sembrano testimoniare la vittoria di “Specchio Fumante”, che reintrodusse i sacrifici umani in tutta l’America Centrale.

PNG - 34.3 Kb

Secondo Graham Hancock, autore del libro “Le impronte degli Dei”, tracce di tali leggende si trovano in tutto il Messico in piramidi e ziggurat che ci ricordano l’Egitto, l’antica Sumeria e altri siti archeologici presenti sulla Terra, in cui imponenti templi e grandi idoli venivano costruiti con grossi massi trasportati da una zona all’altra in epoche in cui, seconda la storia ufficiale, era sconosciuta perfino la ruota. Cholula, Achliotan, Coatzalcoalco, le località di Tres Zapotes, San Lorenzo e La Venta, legate agli Olmechi, Villahermosa, Oaxaca, Monte Alban, Palenque, Teotihuacan, evidenziano la presenza di “maestri” (buoni o malvagi) in possesso di conoscenze scientifiche e tecnologiche più avanzate rispetto a quelle dei popoli che un tempo ivi dimoravano.

Nei suddetti luoghi sembra dominare l’ossessione di grandi cicli di distruzione e ricostruzione che hanno segnato fin dall’inizio il percorso della Terra e dei suoi abitanti. A Chichén Itza, nello Yucatàn settentrionale, il Tempio di Cuculcàn è una drammatica testimonianza dei sacrifici umani (una vera carneficina!) con i quali gli abitanti speravano di placare crudeli Dei ritenuti responsabili di tali ciclici disastri e, a Villahermosa, c’è l’Altare dei Sacrifici dei Bambini, opera degli Olmechi. A questo punto, riflettendo su tutto ciò, davvero la partenza del leggendario Quetzalcoalt e dei suoi aiutanti sembra aver segnato tragicamente le antiche culture.

Gli abitanti di queste terre, in effetti, credevano in 5 grandi cicli che essi chiamavano “Soli” e secondo il loro calendario ora l’umanità si troverebbe alla fine del quinto “sole”. A quanto pare tutte le antiche civiltà condividevano credenze simili, come evidenziano numerose leggende, miti, profezie e perfino testi religiosi, inclusi quelli cristiani, che parlano di una sorta di fine del mondo. Molti testi affermano più ottimisticamente che sarà solo la fine di “questo mondo” violento e pieno di ingiustizie e che sulle sue macerie un giorno verrà costruita una nuova pacifica Era.

Che pensare di tutto ciò? E’ sempre un bene studiare e cercare la verità, ma per il momento non ci resta che incrociare le dita e contare su buona volontà e libero arbitrio nel fare le scelte giuste per costruire un mondo migliore.