INFORMAZIONE
CULTURALE
Gennaio 2021



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5550
Articoli visitati
4470745
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 gennaio 2021   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

CAPRICCIO SUITE

TEATRO DELLE MUSE
giovedì 2 marzo 2006 di Silvana Carletti



Segnala l'articolo ad un amico

Geppi Di Stasio, autore, regista,attore di grande talento, nell’ultima commedia “Capriccio suite” in scena al Teatro delle Muse, ci propone, come al solito, una situazione reale, vera, comune a molti di noi e, su questa base, sviluppa un’analisi profonda dei sentimenti, dei contrasti, dei problemi esistenziali in cui è fatale ritrovarsi. Il tutto in chiave comica, piacevole, divertente e, proprio per questo, più efficace. Il tema della memoria ritorna sempre incalzante. Questa volta riguarda “Il Capriccio” un luogo, ove, negli anni ’70-’80, i giovani si recavano con le proprie ragazze, per trascorrere qualche ora tranquilla, in macchina alle falde del Vesuvio. Nella commedia, “Il Capriccio” diventa un albergo a ore, in cui si ritrova una coppia originale proveniente da Roma.

Il ricordo del recente passato, indissolubilmente legato alla giovinezza, condiziona spesso la vita dell’autore che in una “trilogia sulla mamma”,vuole anche descrivere l’allontanamento ideale dalla figura materna e il raggiungimento di una maturità, spesso sofferta. La commedia segna anche il ritorno sulle scene, dopo un breve periodo di assenza, della bravissima Wanda Pirol, più vivace, frizzante e simpatica che mai, assieme a Roberta Sanzò e al poliedrico Di Stasio. Oltre al tema del rapporto madre-figlio, l’autore sottolinea anche quello dell’amore per il Teatro che per Di Stasio rappresenta una difesa estrema contro la strumentalizzazione e l’indifferenza piuttosto diffusa.

In scena fino al 12 Marzo.