INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5379
Articoli visitati
4405191
Connessi 3729

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
14 agosto 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Riflessioni e considerazioni

Partiti Italiani e M5S (Movimento 5 stelle di Beppe Grillo)

Ignorato e sbeffeggiato dalla stampa e dalla TV per anni, dopo gli ultimi sondaggi è inseguito da tutti.
giovedì 13 settembre 2012 di Pietro Rasulo

Argomenti: Attualità
Argomenti: Opinioni, riflessioni
Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

Mi sono iscritto al sito di Grillo diversi anni fa per una serie di motivi fra i più importanti la rubrica fissa di Marco Travaglio e le battute al vetriolo di Grillo su questa classe politica, battute che spesso fanno ridere ma, visto lo stato delle cose, fanno anche riflettere molto e portano alla luce fatti e notizie regolarmente ignorati dalla stampa e dalla TV.

Certo non si può dire che questo movimento non abbia dell’eccezionale. Partito dal tam tam della rete, dal passa parola, senza nessun finanziamento pubblico e senza nessuna campagna di stampa e TV è riuscito a far eleggere un suo rappresentante come sindaco di Parma, città dove i continui latrocini della politica avevano portato ad una sollevazione di massa dei cittadini.

Ora che questo partito è accreditato dai sondaggi fra il 15 e il 20% non può più essere ignorato e tutti fanno a gara per parlarne: bene o male che sia.

Io che, come al solito, cerco di andare alla sostanza degli argomenti mi sono letto integralmente il programma del Movimento 5 Stelle, che da tempo è pubblicato sul sito e vi posso assicurare che molti punti sono condivisibili.

JPEG - 18.1 Kb
Giovanni Favia

Il primo aspetto positivo è che tutto il programma consta di 15 pagine, è facilmente leggibile e non filosofeggia a vanvera sui massimi sistemi come la maggior parte dei programmi PDL, PD e tanti altri.

In questo pezzo riporterò alcuni punti salienti cosicchè ciascuno dei lettori della nostra rivista potrà farsi un’idea del Movimento e delle sue aspettative.
Il programma è diviso in sei capitoli:

1. Stato e Cittadini
2. Energia
3. Informazione
4. Economia
5. Trasporti
6. Salute


1. Stato e Cittadini

L’organizzazione attuale dello Stato è burocratica, sovradimensionata, costosa, inefficiente.
Il Parlamento non rappresenta più i cittadini che non possono scegliere il candidato, ma solo il simbolo del partito. La Costituzione non è applicata. I partiti si sono sostituiti alla volontà popolare e sottratti al suo controllo e giudizio.

Fra i punti proposti troviamo: parlamento2

- Abolizione delle province
- Accorpamento dei Comuni sotto i 5.000 abitanti
- Riduzione a due mandati per i parlamentari e per qualunque altra carica pubblica
- Eliminazione di ogni privilegio particolare per i parlamentari, tra questi il diritto alla pensione dopo due anni e mezzo
- Divieto per i parlamentari di esercitare un’altra professione durante il mandato
- Stipendio parlamentare allineato alla media degli stipendi nazionali
- Divieto di cumulo delle cariche per i parlamentari (esempio: sindaco e deputato)
- Non eleggibilità a cariche pubbliche per i cittadini condannati
- Partecipazione diretta a ogni incontro pubblico da parte dei cittadini via web, come già avviene per Camera e Senato
- Referendum sia abrogativi che propositivi senza quorum

2. Energia

In questo capitolo ci sono molti punti squisitamente tecnici che vi risparmio; il concetto è chiaro: da un lato riduzione dei consumi dall’altro microproduzione diffusa e versamento in rete. Questo è un concetto molto importante che prende l’ispirazione dalla rete internet: se infatti molti edifici producessero energia solare e la versassero in rete si otterrebbero delle riduzioni significative dell’inquinamento e allo stesso tempo si ridurrebbe la dipendenza dal petrolio.

3. Informazione

Ecco alcune proposte:
- Eliminazione dei contributi pubblici per il finanziamento delle testate giornalistiche
- Nessun canale televisivo con copertura nazionale può essere posseduto a maggioranza da alcun soggetto privato, l’azionariato deve essere diffuso con proprietà massima del 10%
- Nessun quotidiano con copertura nazionale può essere posseduto a maggioranza da alcun soggetto privato, l’azionariato diffuso con proprietà massima del 10%
- Abolizione dell’Ordine dei giornalisti
- Vendita ad azionariato diffuso, con proprietà massima del 10%, di due canali televisivi pubblici
- Un solo canale televisivo pubblico, senza pubblicità, informativo e culturale,indipendente dai Partiti

Ce n’è quanto basta per rivoluzionare la stato attuale della informazione.

4. Economia
- Vietare la nomina di persone condannate in via definitiva (es. Scaroni all’Eni) come amministratori in aziende aventi come azionista lo Stato o quotate in Borsa
- Favorire le produzioni locali
- Sostenere le società no profit
- Sussidio di disoccupazione garantito
- Disincentivi alle aziende che generano un danno sociale (es. distributori di acqua in bottiglia).

Questo capitolo mi pare un po’ troppo ridotto però si può sempre arricchire ascoltando i cittadini che, giustamente come dice Grillo, devono essere i veri padroni delle loro scelte.

5. Trasporti
- Disincentivo dell’uso dei mezzi privati motorizzati nelle aree urbane
- Sviluppo di reti di piste ciclabili protette estese a tutta l’area urbana ed extra urbana bus
- Istituzione di spazi condominiali per il parcheggio delle biciclette
- Istituzione dei parcheggi per le biciclette nelle aree urbane
- Introduzione di una forte tassazione per l’ingresso nei centri storici di automobili private con un solo occupante a bordo
- Potenziamento dei mezzi pubblici a uso collettivo e dei mezzi pubblici a uso individuale (car sharing) con motori elettrici alimentati da reti
- Blocco immediato del Ponte sullo Stretto
- Blocco immediato della Tav in Val di Susa
- Proibizione di costruzione di nuovi parcheggi nelle aree urbane
- Sviluppo delle tratte ferroviarie legate al pendolarismo
- Copertura dell’intero Paese con la banda larga
- Incentivazione per le imprese che utilizzano il telelavoro
- Sistema di collegamenti efficienti tra diverse forme di trasporto pubblici
- Incentivazione di strutture di accoglienza per uffici dislocati sul territorio collegati a Internet
- Incentivazione dei mercati locali con produzioni provenienti dal territorio
- Corsie riservate per i mezzi pubblici nelle aree urbane
- Piano di mobilità per i disabili obbligatorio a livello comunale.

Alcuni punti non li condivido, ad es. il blocco della TAV in val di Susa ma molti altri mi sembrano interessanti.

6. Salute L’Italia è uno dei pochi Paesi con un sistema sanitario pubblico ad accesso universale.
Due fatti però stanno minando alle basi l’universalità e l’omogeneità del Servizio Sanitario Nazionale: la devolution, che affida alle Regioni l’assistenza sanitaria e il suo finanziamento e accentua le differenze territoriali, e la sanità privata che sottrae risorse e talenti al pubblico.
Si tende inoltre ad organizzare la Sanità come un’azienda e a far prevalere gli obiettivi economici rispetto a quelli di salute e di qualità dei servizi.

GRATUITÀ DELLE CURE ED EQUITÀ DI ACCESSO
- Garantire l’accesso alle prestazioni essenziali del Servizio Sanitario Nazionale universale e gratuito
- Ticket proporzionali al reddito per le prestazioni non essenziali
- Monitorare e correggere gli effetti della devolution sull’equità d’accesso alla Sanità
FARMACI
- Promuovere l’uso di farmaci generici e fuori brevetto, equivalenti e meno costosi rispetto ai farmaci “di marca” (che in Italia costano spesso di più che all’estero) e più sicuri rispetto ai prodotti di recente approvazione
- Prescrizione medica dei principi attivi invece delle marche delle singole specialità (come avviene ad esempio in Gran Bretagna)

Anche questo argomento non mi sembra molto incisivo ma offre qualche spunto di riflessione.


Ora che vi ho riportato il programma del Movimento potrete farvi una idea dell’ambito in cui questo si muove. A mio parere se alle politiche prossime il Movimento sceglie i candidati giusti escludendo tassativamente chi ha già fatto politica può riportare un buon successo e può controllare efficacemente in parlamento l’operato dei politici della prima ora.

Almeno avremo una opposizione diversa ed attenta ai bisogni della gente.

Non ritengo infatti che M5S sia in grado di governare: gli manca sia l’esperienza che una organizzazione consolidata, ma può fare in parlamento quello che fa già in alcuni comuni dove sono presenti suoi rappresentanti: far sentire la voce dei cittadini.

Per concludere un riflessione va fatta: il successo di questo movimento è dovuto principalmente alla disaffezione dei cittadini per i partiti che, dopo tanti anni, hanno ridotto l’Italia in queste condizioni pietose.

Mi ritorna in mente una battuta di Bersani: “non potete dire che tutti i partiti sono uguali ma al massimo che fanno tutti schifo”.

Bene condividiamo la seconda affermazione ma non per qualunquismo (altra parola abusata dai partiti quando si parla male di loro) ma per la semplice osservazione obiettiva dello stato in cui versa il nostro paese.