INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3977738
Connessi 14

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Dopo la paura la speranza (ed. San Paolo, 2012)

I cattolici italiani di fronte alla crisi economica internazionale

Nella interpretazione di Andrea Riccardi
venerdì 6 luglio 2012 di Carlo Vallauri

Argomenti: Economia e Finanza
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Andrea Riccardi


Segnala l'articolo ad un amico

La condizione dell’uomo contemporaneo di fronte ad un mondo caratterizzato da violenza e aggressività viene sottolineata da Andrea Riccardi nell’Introduzione del suo libro Dopo la paura la speranza.

Il tempo della globalizzazione allarga gli orizzonti ma ha pure accresciuto il senso di paura provocato dai fenomeni di migrazione e dalla scomposizione delle forme comunitarie e sociali. Richiamando il messaggio di Giovanni Paolo II, l’autore afferma la necessità di intessere una cultura della speranza.

10000000000000EB000000F057C574F1E il fondatore della Comunità di Sant’Egidio, ed attualmente ministro del governo Monti, ritiene primaria l’esigenza di dare all’Italia una anima, una missione precisa, innanzitutto di pace, in secondo luogo il riscatto della politica nel “sogno” di cambiare la realtà per uscire dalla “rassegnazione” e dare all’Europa una strategia che valga a riscattarne il ruolo. Dopo aver richiamato il massacro dei medici volontari in Afghanistan e aver denunciato la “guerra” contro le popolazioni, Riccardi sollecita invece un’azione di lungo piano per realizzare l’integrazione.

A 25 anni dal primo incontro ad Assisi tra i rappresentanti delle grandi religioni appare indispensabile rinnovare quello spirito che spinse Papa Woityla ad operare per “cambiare il mondo” nel segno del Vangelo. Ed il libro prosegue attraverso tanti brevi capitoli, ognuno riassunto di un problema di fondo. Così si passa alla domanda che si pongono tanti cattolici per dar vita ad una “nuova stagione” dopo la “delusione” provocata da Berlusconi, e segue quindi l’analisi delle più complesse situazioni internazionali, sia nel Medio Oriente che a causa del peso degli islamisti in varie parti del mondo.

L’urgenza del ritorno alla passione politica diviene poi centrale nelle argomentazioni di Riccardi, il quale fa notare come l’estrema destra si stia rafforzando in Europa. Ma soprattutto l’autore riafferma “i doveri della democrazia” sia nel nostro paese che in quest’Europa che deve dimostrare di essere veramente “unita” superando il rischio del rifugio nelle “piccole patrie”. 10000000000001630000010A4AC4C936

Di fronte al grande dramma causato dalla crisi economica, la responsabilità morale resta – afferma Riccardi – ed essa rimane la spinta indispensabile per salvare non solo l’Italia, donde l’urgenza di proseguire nell’opera di cooperazione internazionale e di integrazione, per la quale peraltro egli è stato chiamato a far parte del governo Monti, un’occasione – precisa – per far riflettere i partiti. Come si vede, sono pagine di scottante attualità che possono costituire una lettura chiarificatrice per chi voglia documentarsi sulla realtà materiale della nostra società e sulle prospettive che sono davanti a tutti noi.

A proposito della Comunità di Sant’Egidio e del suo ruolo internazionale ci permettiamo di richiamare il nostro recente studio “L’arco della pace”. La speranza che vi sia un futuro degno per ognuno di noi è la speranza alla quale Riccardi si appella perché gli italiani possano trovare le energie per uscire dall’attuale situazione di crisi. Un segno di fiducia da non tralasciare.