INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3975498
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL
JPEG - 13.2 Kb
La copertina

Il Mistero del Mare, (Nutrimenti aprile 2012)

STOKER OLTRE DRACULA

Un romanzo inedito per il centenario della morte.
domenica 20 maggio 2012 di Andrea Comincini

Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Bram Stoker
Autore del Libro : Mirko Zilahi


Segnala l'articolo ad un amico

JPEG - 40.9 Kb
Bela Lugosi come Dracula

La fortuna del non-morto, del Nosferatu, non sembra affievolirsi nemmeno con l’incessante trascorrere dei secoli. Se ci si sofferma solamente sul Novecento, non mancano certamente gli esempi: dal capolavoro cinematografico con Bela Lugosi [1] del 1931, fino ad arrivare al celeberrimo film di Coppola del 1992 (vedi trailer in fondo), le saghe vampiresche agitano sempre i sogni di spettatori e lettori di tutto il mondo. Persino quando le grandi case editrici o le multinazionali della pellicola rincorrono prodotti più commerciali, come con Twilight, i vampiri non vengono mai sconfitti.

JPEG - 4.6 Kb
A Vampire takes a bite

Tali indiscutibili successi, tuttavia, sono anche causa di incredibili dimenticanze. Quasi a compensare la gloria degli altari, alcuni interpreti o scrittori restano inevitabilmente associati a personaggi o libri che hanno scritto la storia della letteratura e del cinema, e vedono perdersi nell’oblio tutto il resto della loro opera. Bram Stocker [2],

JPEG - 4.6 Kb
Bram Stoker

irlandese di fama mondiale, è uno di questi. La rinomanza dello scrittore è legata all’attore inglese Henry Irving [3] del quale divenne, a ventinove anni, amico ed assistente. Tal nome, ai molti, può risultare sconosciuto, ma trattasi di uno dei maggiori artisti della sua generazione. Stoker lavorò per lui è subì il tragico destino di essere non solo sempre associato al grande interprete, ma di brillare di luce propria soltanto attraverso Dracula, e quindi di vedere il resto del proprio lavoro inevitabilmente e comunque trascurato.

A cent’anni dalla morte, la casa editrice Nutrimenti, una realtà molto vivace nel panorama attuale, propone un romanzo in Italia mai pubblicato: ” Il Mistero del Mare” (1902), tradotto e curato da Mirko Zilhai de’ Gyurgyokai.

JPEG - 3.3 Kb
Mirko Zilhai de’ Gyurgyokai

Per una ironica coincidenza del fato, il traduttore è di origine ungherese, discendente quindi da quella stirpe transilvana tanto studiata da Stocker per arricchire il suo libro di usi e costumi tipici del luogo. L’opera narra di intrighi, passioni, misteri e fughe.

Senza addentrarci nella trama affascinante e decisamente gotica, basti soffermarsi sul titolo per comprendere le atmosfere e le vicende che impegneranno i protagonisti e le loro vite. Il lettore amante del genere poliziesco, ma anche del thriller e di quella tipica atmosfera vittoriana che si respira nel più famoso Dracula, proverà nuovi brividi ed emozioni nel susseguirsi degli eventi e dei complotti che inseguiranno Archibald Hunter, il protagonista e narratore principale.

Il testo, tradotto dallo Zilahi con perizia sia per quanto riguarda le scelte lessicali, sia per quelle stilistiche, conquista il lettore pagina dopo pagina ed aiuta a osservare l’opera intera dell’Irlandese da un punto di vista storicamente nuovo. La traduzione, invero, ci porta a studiare il processo creativo dell’autore da un’ottica finalmente diversa, ed acconsente e propone nuovi quesiti e riflessioni sulla vita e sull’opera tutta del padre del più famoso vampiro di tutti i tempi.

Come si può legger nella quarta di copertina, il libro è un “Incredibile caleidoscopio di argomenti, generi e categorie estetiche – l’amore, la politica e la crittografia: l’avventura, il neogotico e lo spionaggio [...] questo romanzo condensa la tradizione letteraria del suo tempo e anticipa temi e atmosfere di molta narrativa novecentesca, confermando quelle qualità che hanno fatto di Bram Stoker un innovatore, padre, con Dracula, di uno dei filoni artistici di maggiore successo nel tempo”.


Il trailer del film di Coppola del 1992 "Dracula" di Bram Stocker

P.S.

Note prese da Wikipedia a cui va la gratitudine della retazione e dei lettori che possono farsi una immediata idea dei personaggi citati

[1] Bela Lugosi, nome d’arte di Béla Ferenc Dezső Blaskó (Lugoj, 20 ottobre 1882 – Los Angeles, 16 agosto 1956), è stato un attore cinematografico ungherese. È rimasto celebre per le sue interpretazioni nei film horror, prima fra tutte quella del personaggio di Dracula.

[2] Abraham Stoker detto Bram (Clontarf, 1847 – Londra, 1912) è stato uno scrittore irlandese, divenuto celebre come autore di Dracula, uno fra i più conosciuti romanzi gotici del terrore. In vita era conosciuto in particolare per essere l’assistente personale dell’attore Henry Irving e il direttore economico del Lyceum Theatre di Londra, di proprietà dello stesso Irving.
Stoker ha scritto numerosi romanzi tra i quali la storia di vampiri intitolata Dracula pubblicata nel 1897. L’ispirazione gli era stata fornita dall’incontro avvenuto nel 1890 con il professore ungherese Arminius Vambéry, il quale gli aveva raccontato la leggenda del principe rumeno Vlad Ţepeş Dracul, meglio conosciuto come Dracula.

[3] Sir Henry Irving

JPEG - 4.5 Kb
Henry Irving.

(Keinton Mandeville, 1838 – Bradford, 1905) è stato un attore teatrale britannico. Fu il primo attore a ricevere, nel 1895, il cavalierato.
La sua recitazione, molto caratterizzata e personale soprattutto dal punto di vista vocale, divise la critica tra coloro che lo considerarono un genio innovatore e coloro che criticarono il suo esasperato manierismo.