INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5427
Articoli visitati
4425364
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
28 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

PROFUMO DI PRIMAVERA: PASQUA


domenica 1 aprile 2012 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Ricordi


Segnala l'articolo ad un amico

Ricordi d’infanzia tra riti e tradizioni, pastiere e “casatielli”

La vecchia casa dei miei nonni si ergeva su verdi pendii: semplice eppur maestosa appariva ai miei occhi di bambina, come una tranquilla oasi, nei pressi del grande Bosco di Capodimonte in Via Bellaria, dove l’aria era davvero ”bella” e salubre, l’acqua del fiume Serino sgorgava fresca dalle fontane e i cibi erano saporiti e genuini.

JPEG - 5.6 Kb
Reggia di Capodimonte

L’arrivo della primavera si percepiva nell’aria all’improvviso spalancando le finestre al mattino: un venticello lieve e gentile ti carezzava il viso portando con sé il profumo dei fiori e sembrava che la campagna cantasse un inno di gioia tra peschi dalle delicate sfumature di rosa alternate al bianco di ciliegi e mandorli, vibranti di nuova vita tra le foglie di un verde brillante bagnate di rugiada.

10000000000000EC000000D503849AB7 La Natura ci attirava con i suoi infiniti incanti e si correva allora nel vicino bosco, tenuti per mano dagli adulti, papà, mamma o nonni e in particolare da zio Edoardo. Come un ragazzo egli amava tanto giocare con noi bambini e sapeva scoprire sempre nuovi sentieri tra il verde; noi lo seguivamo con fiducia, come se fosse il pifferaio magico dell’antica favola che sicuro di sé ci guidava verso grandi prati erbosi pieni di margheritine bianche e gialle, tra alberi secolari ed intricate siepi. Talvolta ci spingevamo fino alla Reggia di Capodimonte, ai suoi favolosi giardini e sontuosi saloni in cui all’epoca aleggiava ancora un passato non lontano di re e regine, principi e principesse.

Tornavamo a casa sudati, ansanti ed infinitamente felici tra i rimproveri di mamma e nonna che minacciavano mio zio di non dargli più il permesso di farci uscire con lui. Poi si rabbonivano alla vista di violette e ciclamini colti per loro e il sorriso tornava sui loro volti mentre mettevano i fiori davanti ad una statuina della Madonna. 1000000000000088000000C62C65DA9ALa primavera ci regalava un altro importante evento: Pasqua. Tutto avveniva secondo precisi riti che si ripetevano ogni anno. Si andava per qualche giorno in centro a fare acquisti e per partecipare al cosiddetto “struscio”, cioè la rituale visita ai “sepolcri” allestiti nelle chiese per commemorare la Passione di Cristo. Almeno tre se ne dovevano visitare e comunque sempre in numero dispari.

100000000000010B000000BD15089ED6Lungo i marciapiedi affollati la gente camminava lentamente “strusciando”, cioè strisciando i piedi, guardando le vetrine dei negozi e sfoggiando i nuovi eleganti abiti primaverili. All’imbrunire si tornava a casa dove allettanti odori uscivano dalle cucine nelle quali le donne erano indaffarate a preparare la pasta all’uovo per le lasagne pasquali, pastiere (dolci di pasta frolla con ricotta, uova, grano, frutta candita e acqua di millefiori) e i tradizionali “casatielli” (rustici pieni di salumi, formaggi, sugna e pepe).

Purtroppo nessuno poteva toccare niente, nemmeno assaggiarne un pezzetto (una vera tortura!) poiché, come ci spiegavano sempre dandoci una botta sulle mani che si allungavano verso quei cibi, non si potevano mangiare prima che “si sciogliesse la gloria”, cioè prima che suonassero le campane che celebravano la Resurrezione di Cristo.

Nemmeno le uova di cioccolato si potevano sfiorare prima della domenica di Pasqua, così esse troneggiavano in bella mostra nei loro coloratissimi involucri infiocchettati su un mobile in camera da pranzo, allineate in ordine di grandezza, tra vasi pieni di rami di pesco regalati da don Giovanni, il contadino che ci vendeva frutta, ortaggi, latte e uova fresche.

JPEG - 6 Kb
Tina Pica e il "Maresciallo" De Sica

Un altro strano rito popolare che ci faceva tanto divertire era quello che a marzo ripeteva puntualmente la nostra amata colf dal nome felliniano di Gelsomina e dal carattere forte simile a quello della comica Carmela descritta in “Così parlò Bellavista” da Luciano De Crescenzo, oppure paragonabile ad un personaggio “alla Tina Pica”, tanto per intenderci. Perfino il cognome, “Semprebuono”, sembrava caratterizzare la sua personalità per la totale dedizione agli altri.

Dunque, poiché il mese di marzo era ritenuto “pazzo” per la variabilità dei fenomeni atmosferici e pertanto portatore di vari malanni, Gelsomina Semprebuono scriveva con una matita tutti i nomi delle probabili malattie dietro un’imposta e poi con una scopa immaginava di buttarli fuori dalla finestra, dicendo: - Sciò sciò ciucciué, tutti i mali a te, a te! Marzo tu sì pazzo, ma io so’ cchiu forte e te! -. 1000000000000103000000C24FCE049D A Pasqua tutti a messa! Poi si andava a tavola e là, tra battute allegre e motti di spirito, si alzava in piedi nonno Mario imponendo il silenzio per benedirci con un ramoscello di ulivo bagnato nell’acqua santa, passandolo subito dopo a mio padre che ripeteva l’operazione come se fosse un “comandante in seconda” per il rispetto che allora si aveva verso gli anziani.

Il giorno dopo, cioè lunedì in albis o Pasquetta, non ci veniva consentito di uscire per unirci a coloro che andavano a fare un picnic nel bosco armati di cestini pieni di cibi e vini, palloni da football, chitarre e mandolini. Troppa confusione secondo gli adulti. Ci dovevamo accontentare di guardare dalla terrazza di casa l’allegra e pittoresca sfilata di centinaia di persone, sfilata che verso sera spesso si trasformava in un improvviso e divertente fuggi-fuggi sotto il rituale acquazzone primaverile!

Quanto tempo è passato dai quei lontani anni ’50! Anni duri, anni del dopoguerra, eppure pieni di speranza nel futuro. Eravamo circondati da persone coraggiose che erano uscite miracolosamente “intatte” da un’orrenda guerra, intatte non solo fisicamente ma anche moralmente, umili e fiere allo stesso tempo, sicure dei loro principi e ideali.

JPEG - 6.1 Kb
Pastiera
JPEG - 6.2 Kb
Casatiello

Saremo capaci anche noi di fare altrettanto per tramandare tradizioni e valori ai nostri figli e nipoti in questa nostra difficile epoca? Forse ci stiamo provando, nuotando contro corrente e animati solo di buona volontà.

Allora auguriamoci ancora una volta una “Buona Pasqua” in pace, con il profumo di primavera e… con pastiera e casatiello!