INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3976201
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Così è la vita. Imparare a dirsi addio: (Einaudi 2011)

Considerazioni e riflessioni su cosa è la vita da parte di una nota giornalista


venerdì 10 febbraio 2012 di Achille della Ragione

Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Concita De Gregorio


Segnala l'articolo ad un amico

Ancora in testa alla classifica delle Top Ten è il libro di Concita De Gregorio “Cosi è la vita, imparare a dirsi addio” Affronta il tema delicato della morte e cerca con garbo, tra aneddoti e letture di indicare il modo più adatto per spiegarlo ai bambini.

Quando si racconta loro che il nonno è partito per un lungo viaggio, oppure è andato in cielo, i bambini, nel loro candore, covano la speranza che un giorno possa tornare, mentre invece il distacco è definitivo. L’autrice al posto di queste scorciatoie, insegna a dire la verità in un modo così delicato da farne un vero inno alla vita.

E come la morte anche la vecchiaia ci fa paura, per cui un culto disperato del corpo, che attraverso la chimera della chirurgia plastica, costringe sempre più donne a vivere in uno squallido “Burka di silicone”.

Non amiamo parlare della morte, l’unica certezza che abbiamo, ci infastidisce solo il pensiero, ci comportiamo come se si trattasse di un argomento che non ci riguarda, siamo cosi impegnati a lavorare, ad occupare ogni istante di tempo libero, a divertirci, a viaggiare, sempre di fretta, senza un momento di sosta per meditare sull’epilogo della nostra vita. Oggi più di ieri temiamo la morte, l’ultimo tabù che ci è rimasto dopo aver distrutto tutti gli altri dal sesso all’amor patrio, che ci attanagliavano da tempi lontani.

La nostra società, profondamente secolarizzata vuole allontanare l’idea della fine della nostra vita terrena, perché è un pensiero che ci induce ad esacerbanti esercitazioni metafisiche sul motivo della nostra esistenza, sul nostro destino, su Dio.

JPEG - 54.5 Kb
Mazzini morente
Silvestro Lega - 1873

Oggi si muore in assoluta solitudine, nessuno è in grado di sussurrare quelle dolci parole di cui hanno bisogno i morituri, nessuno sa più stringere quelle mani tremanti per infondere coraggio e rassegnazione.