INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5486
Articoli visitati
4447349
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 novembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


RIAPRONO LE SCUOLE.....MANCANO LE SEDIE


mercoledì 14 settembre 2011 di Silvana Carletti



Segnala l'articolo ad un amico

Incredibile, ma vero!

In una scuola media del VI Municipio di Roma, il 12 settembre, nelle aule mancavano 50 sedie che si sono dovute recuperare dalla sala professori e dalle cantine…Dopo la scarsezza della carta igienica che obbligava le famiglie a rifornire i bagni delle scuole, ora c’è anche chi deve stare in piedi per assistere alle lezioni…

La cosa più grave, comunque, è il sovraffollamento delle classi che, in una scuola di Perugia, ha raggiunto il numero di…37! Mi domando, da ex insegnante, come sia possibile in 60 minuti di lezione (spesso ridotti a 50), seguire, conoscere e comunicare con un numero così grande di studenti, specie se, come avviene per alcune materie, l’insegnante ha a disposizione una o due ore di lezione a settimana per ogni classe. Naturalmente, vi sono altri problemi:

l’Italia è una delle nazioni europee con il più elevato tasso di dispersione scolastica d’Europa ed è sempre molto lontana dagli obiettivi Ue 2020. L’ultima rilevazione Istat (relativa al 2010) ci riferisce un 18,8 per cento di ragazzi - di età compresa fra i 18 e i 24 anni - che hanno abbandonato prematuramente gli studi. In Francia sono il 12,3 per cento e in Finlandia il 9,9. AULA

Inoltre, i tagli agli organici delle scuole hanno penalizzato soprattutto gli insegnanti di sostegno che, secondo le nuove disposizioni, saranno sostituiti ”in futuro”,da docenti curriculari.

E che dire del caro scuola? I libri cambiano ogni anno e spesso le nuove edizioni contengono solo poche modifiche rispetto al testo originale, mentre il prezzo è in continua ascesa. Per non parlare del kit scolastico, dei mezzi di trasporto e di tutto il resto. Un vero salasso per le famiglie, già vessate dal rincaro incontrollato dei beni essenziali e costrette, il più delle volte, a ricorrere a prestiti indebitandosi ulteriormente. gelmini_280xFree

Per quanto riguarda i quadri orario, c’è da sottolineare che negli Istituti Tecnici e in quelli professionali le ore di lezione sono state tagliate, senza modificare i programmi.

Le ultime novità per la scuola sono contenute infine dalla manovra economica varata lo scorso mese di luglio: ridimensionamento forzato per tutti i circoli didattici per istituti con meno di 500 alunni, 300 nelle piccole isole e nelle scuole di montagna. Come appare evidente, i problemi si moltiplicano di anno in anno, mentre aumentano le proteste di studenti, insegnanti e genitori che, purtroppo, non vengono mai ascoltate. scuola_img Scuola

Nel frattempo, si tirano le somme dei tagli alla didattica: otto miliardi sono il prezzo che la scuola pubblica ha pagato finora per il risanamento dei conti dello Stato.

In compenso, sono stati elargiti contributi alle scuole private frequentate da chi può permettersi, certamente, di pagare rette altissime. manifestazione-004