INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5426
Articoli visitati
4424568
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


IMMIGRATI: PROBLEMA IRRISOLVIBILE?


venerdì 1 aprile 2011 di Silvana Carletti

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

Mai come in questi giorni il problema dell’immigrazione si fa pressante e difficile da risolvere. Le recenti vicende politiche che hanno portato alla guerra i Paesi del Mediterraneo, con conseguente fuga di profughi, producono un inevitabile riversamento di migliaia di immigrati nell’isola più vicina e più facilmente raggiungibile: Lampedusa.

La popolazione è giunta allo stremo e, in vista della nuova stagione turistica, vede infrangersi ogni possibilità di lavoro e di guadagno.

Nel contempo, arrivano di giorno e di notte centinaia di immigrati, spesso in condizioni di salute gravissime, con donne e bambini. Inoltre, ai rifugiati politici si mescolano clandestini e, anche se si procede (piuttosto lentamente) all’identificazione in loco degli sbarcati, chi dovrebbe essere rispedito fugge o viene comunque trattenuto.

La situazione è al limite della sopravvivenza: mancano acqua, viveri, servizi igienici e posti letto. Si attende il “miracolo” promesso da Berlusconi che, come avvenne in Abruzzo,ha assicurato che in poche ore tutto sarà risolto….

JPEG - 17.3 Kb
SBARCHI

Ma come?

Probabilmente, la cosa più giusta sarebbe quella già prospettata dal Governo: dividere per regioni gli emigranti, individuando zone dismesse, come caserme vuote, edifici pubblici disabitati, istituti religiosi e quant’altro e nel frattempo, rimpatriare immediatamente i clandestini von voli ad hoc, in attesa che la situazione internazionale si chiarisca e si stabilizzi. Dopo di che, trattandosi di Paesi “nuovi” per governo e amministrazione, sarebbe auspicabile trasferire in quelle zone industrie, fabbriche e lavoro oltre ad organismi che diano lezione di economia e di gestione del commercio.

JPEG - 35 Kb
IMMI (1)

Per il nostro Paese potrebbe rivelarsi una risorsa, sull’esempio della Cina ove trasferiamo continuamente la fabbricazione e la lavorazione dei nostri prodotti che vengono poi venduti in Italia e nel mondo.

Sono tutte ipotesi al vaglio degli esperti; nel frattempo, migliaia di esseri umani si trovano in difficoltà inimmaginabili ed urge un provvedimento, sia pure provvisorio e perfezionabile nel tempo che sistemi quanto prima un flusso inarrestabile di persone che fuggono dalla fame, dalla povertà assoluta e dalle persecuzioni.

JPEG - 82.1 Kb
sbarchi-lampedusa-3