Rubrica: EDITORIALI

EDITORIALE OTTOBRE 2010

IL TRIONFO DELL’EFFIMERO E LA CRISI VALORIALE: UN DISEGNO PROGRAMMATO?
venerdì 1 ottobre 2010

Argomenti: Opinioni, riflessioni

Lo sconvolgimento della vita morale non ha mai raggiunto livelli così bassi e, a nostro avviso, irrecuperabili. Non c’è campo della società che si salvi dalla dissoluzione più accentuata: politica, religione, economia, sport, spettacolo e così via.

A questo punto viene spontaneo domandarsi: quale è stata l’origine di tanta mancanza di decoro, di dignità, di rispetto degli altri e di se stessi; non è possibile che sia tutto sorto all’improvviso e senza alcun motivo…

Basta risalire ad anni or sono, alla comparsa delle TV commerciali cui, per la prima volta, era (ed è anche oggi), ahimè, concesso tutto: diffondere violenza, sessualità gratuita, esempi di vita basati su “veline” e “velone”, grandi fratelli, spettacoli degradanti con scene da voltastomaco: il tutto tramite il mezzo televisivo, diffuso capillarmente in ogni casa e in ogni famiglia e che rappresenta il passatempo preferito e spesso l’unica forma d’informazione per i nostri ragazzi e non solo.

E che dire dei programmi quali “Io canto” e “Ti lascio una canzone” in cui bambini, dai 4 anni in su, vengono messi in mostra per cantare canzoni d’amore, di passione e quant’altro?

Ma dove sono finiti i giochi e gli svaghi dei ragazzini, la vita semplice divisa tra casa e scuola?

Così, l’ideale di vita per la stragrande maggior parte dei giovani diventa lo spettacolo, l’immagine, i facili guadagni, il vuoto morale con tutto ciò che ne consegue.

JPEG - 28.3 Kb
Dal film "Il caimano" di Nanni Moretti

La mancanza di valori, la crisi della famiglia e della scuola e di conseguenza dell’educazione hanno fatto il resto .E’ qui che si sono introdotte facilmente le droghe, il bullismo, la noia e la disaffezione più profonda.

Non è possibile che tutto ciò sia accaduto per caso.

C’è chi da grande burattinaio ha diretto e dirige tutto questo degrado per avere un popolo debole, sottomesso, un’Italia che all’estero definiscono “mafia e spaghetti”, a danno delle nuove generazioni che dovrebbero rappresentare la speranza di un mondo migliore e che avrebbero bisogno di insegnamenti morali, di serietà e, soprattutto di “esempi” dalla famiglia, dalla scuola, dal governo.



Diritti di copyright riservati
Articolo non distribuibile su alcun media senza autorizzazione scritta dell'editore