Rubrica: LETTURE CONSIGLIATE

Giardini e strade (Guanda editore, Parma)

PREVEGGENTI TIMORI NEL DIARIO DI JÜNGER

La lettura di questo pensatore induce a riflettere non solo sulla caducità dei poteri ma anche sulla intrinseca debolezza degli esseri umani.
mercoledì 25 marzo 2009

Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Ernst Jünger

La personalità di Ernst Jünger è troppo nota perché possa giungere un suo libro senza che gli studiosi ne siano attratti. Accade ora per Giardini e strade (Guanda editore, Parma) è il suo diario 1939-40 ed il sottotitolo “In marcia verso Parigi” indica il valore di una testimonianza rappresentativa dell’esperienza trascorsa nell’ultimo periodo di pace mentre si preparavano i mesi dell’azione militare in cui egli è travolto verso il Lussemburgo e il Belgio, poi il “trionfo” in Francia.

E lo scrittore sa ben descrivere lo sgomento dei vinti, prigionieri e profughi, ma anche le inquietudini dei vincitori. Nel pieno della catastrofe non sfuggono i segni di cose belle che sfumano mentre dolore e violenza prevalgono. In queste pagine di virtuosismo letterario, ricche di richiami filosofici e psicologici, le vicende personali e familiari si intersecano a scorrerie di guerra, silenzi intensi nello spirito di un tempo dolente, dove lampi e guizzi di sole possono intrecciarsi al sentimento dell’isolamento nella solitudine dei boschi. Tra le citazioni più pertinenti a indicare non solo quella stagione, colpisce quella di Bernanos: le formazioni statali moderne non crescono più secondo regole e misure umane, ma avanzano come una sorta di insetto gigantesco.

Ebbene: sono gli stessi insetti che in quei mesi stanno divorando la Francia occupata che presto avrebbero dato i brividi e gli orrori alla Germania. La lettura di questo pensatore induce a riflettere non solo sulla caducità dei poteri ma anche sulla intrinseca debolezza degli esseri umani. La visione di certi personaggi anticipa forse quegli influssi perversi che egli avvertiva nell’inconscio. I piccoli ingorghi stradali come simboli di un labirinto dal quale diverrà quasi impossibile uscire. C’è un presentimento della tragedia, al di là del sentire individuale.



Diritti di copyright riservati
Articolo non distribuibile su alcun media senza autorizzazione scritta dell'editore