Rubrica: PASSATO E PRESENTE

FARMACISTI IN TRINCEA

sabato 14 marzo 2020

Argomenti: Opinioni, riflessioni

Paracelso insegna: "Tutto è veleno: nulla esiste di non velenoso. Solo la dose fa in modo che il veleno non faccia effetto."

Così il caduceo di Hermes, simbolo di pace e prosperità, venne raffigurato sulle insegne di tutte le farmacie italiane.

Nel nostro Paese esso è tutt’ora l’emblema del farmacista e può essere interpretato con i due serpenti che rappresentano uno la dose terapeutica e l’altro la dose tossica, il veleno. Il farmacista è raffigurato con il bastone alato che si eleva sopra le parti in quanto conoscitore dell’una e dell’altra. In breve, è l’unico in grado di frapporsi tra il farmaco e il veleno dal momento che conosce il giusto dosaggio.

Siamo in piena pandemia globale, provocata dal virus Covid 19 che sta colpendo tutto il pianeta , in particolar modo l’Italia. E se è vero che lo Stato è nelle mani della scienza , è altrettanto vero che il microcosmo di ogni cittadino è molto aiutato anche dal lavoro di tutti i farmacisti che rivestono un ruolo centrale per la tutela della salute, sia per le conoscenze e competenze sia per il rapporto di fiducia che li lega alle persone.

E un esempio virtuoso arriva da una farmacista di Pievebovigliana in provincia di Macerata che, in piena emergenza sanitaria sul territorio, non ha esitato un secondo a spedire di persona un farmaco in esaurimento, ad un paziente di Roma. E ancora un farmacista di Udine che nonostante la situazione ben nota al Nord si è adoperato allo stesso modo con estrema solidarietà e disponibilità.

La battaglia è ancora lunga e sarà vinta proprio come ci ricorda Siracide: “Dio ha dato agli uomini la scienza perché potessero gloriarsi delle sue meraviglie. Con esse il medico cura ed elimina il dolore e il farmacista prepara le miscele. Non verranno meno le sue opere! Da lui proviene il benessere sulla terra (Antico Testamento).

Maria Elena Canzoni



Diritti di copyright riservati
Articolo non distribuibile su alcun media senza autorizzazione scritta dell'editore