Rubrica: COSTUME E SPETTACOLI

ENTUSIASMANTE SUCCESSO DELLA TRAVIATA ALLO SFERISTERIO DI MACERATA

Macerata Opera Festival
domenica 5 agosto 2018

Argomenti: Musica, Concerto, Balletto

Un gradito ritorno allo Sferisterio di Macerata de La Traviata “degli specchi” con la scenografia di Josel Svoboda e la regia di Henning Brockhaus. Andata in scena per la prima volta nel 1992, ripresentata varie volte nel corso degli anni ed “esportata” in numerosi teatri italiani e stranieri, suscitando sempre lo stupore e l’ammirazione del pubblico per la genialitÓ delle trovate dei due impareggiabili artefici, che hanno mandato in visibilio il pubblico di mezzo mondo.

Quest’anno il capolavoro di Giuseppe Verdi Ŕ ancora parso all’altezza del suo eccelso splendore, sempre assai curato nei minimi particolari ed equilibrato nelle varie componenti: l’Orchestra Regionale delle Marche ha fornito il meglio di sÚ sotto l’oculata precisione e l’ottima professionalitÓ della direttrice Keri-Lynn Wilson, mentre il rinnovato Coro Lirico “Vincenzo Bellini” del maestro Martino Faggiani ha fornito un’ottima impressione e coesione.

JPEG - 38 Kb
Foto di scena

Una menzione particolare al cast, che ha fornito una prestazione di buon livello, sottolineata dal pubblico con numerosi applausi a scena aperta. Ci piace ricordare: Salome Jicia - Violetta ValÚry, Mariangela Merini - Flora Bervoix, Marianna Mennitti - Annina, Ivan Ayon Rivas - Alfredo Germont, Vladimir Stoyanov - Giorgio Germont, Silvano Paolillo - Gastone, Lorenzo Grante - Il barone Douphol, Stefano Marchisio - Il marchese d’Obigny, Giacomo Medici - Il dottor Grenvil, Alessandro Pucci - Giuseppe, Gianni Paci - Un domestico di Flora, Roberto Scandurra - Un commissario.

JPEG - 43.6 Kb
Foto di scena

Il giovane soprano georgiano Salome Jicia ha offerto una sorprendente e molto bella interpretazione di Violetta, dimostrando di essere in possesso di una voce di notevole spessore nel ruolo, mentre il baritono bulgaro Vladimir Soyanov, sostituto di Lucio Salsi indisposto, Ŕ stato una piacevolissima sorpresa per temperamento, vocalitÓ e presenza scenica.

Un sincero e meritato plauso alla regia ed alle luci di Henning Brockhaus, alle fantastiche scene di Josef Svoboda, ai costumi di Giancarlo Colis, alle coreografie di Valentina Escobar e, non ultime, a tutte le maestranze dello Sferisterio. Alla fine, fragorosi applausi da parte di un pubblico numerosissimo e soddisfatto che ha tributato il suo ringraziamento con numerose chiamate sostenute da ovazioni finali, teatro sold out.

Spettacolo assolutamente da non perdere in replica l’11 Agosto.



Diritti di copyright riservati
Articolo non distribuibile su alcun media senza autorizzazione scritta dell'editore